Sabato 28 Gennaio04:43:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Caso del Poligono di Novafeltria: condannati a tre mesi di arresto soci e proprietari terreno

Cronaca Novafeltria | 21:02 - 30 Giugno 2016 Caso del Poligono di Novafeltria: condannati a tre mesi di arresto soci e proprietari terreno

E' terminato in settimana il processo sul caso del poligono di Libiano di Novafeltria, che fu posto sotto sequestro nel luglio 2013 dalla Forestale. Il giudice di primo grado ha accolto le richieste del pm: tre mesi di arresto per i tre soci dell'associazione che gestivano il poligono, ma anche per i due proprietari del terreno in cui lo stesso sorgeva, marito e moglie. Tutti gli imputati, che gioveranno del beneficio della sospensione della pena, erano rappresentati dall'avvocato Luca Greco, che ha annunciato impugnazione della sentenza in appello, benché gli assistiti possano giovarsi della prescrizione. Il giudice ha comunque assolto tutti per il reato di getto pericoloso di cose, mentre ha disposto condanna per abuso edilizio, inquinamento ambientale e abbandono di rifiuti. In sostanze le accuse vertevano sulla mancata autorizzazione relativa all'edificazione delle strutture di protezione delle postazioni di tiro, mentre le altre fattispecie sulla mancata e corretta rimozione di piattelli, piombini e borre (i piccoli contenitori di plastica dei pallini).

< Articolo precedente Articolo successivo >