Mercoledý 19 Febbraio08:16:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

AUDIO Muore live set, rinasce brew pub: ecco come sarà il nuovo Baldoria di Sant'Aquilina a Rimini

Dietro l'operazione c'è Manuel Celli, figlio di Goffredo fondatore dell''azienda leader della spillatura

ASCOLTA L'AUDIO
Attualità Rimini | 19:00 - 11 Febbraio 2020 Manuel Celli al centro del tavolo della conferenza stampa di presentazione del nuovo Baldoria Manuel Celli al centro del tavolo della conferenza stampa di presentazione del nuovo Baldoria.

L'annuncio era arrivato due anni fa, a due anni esatti dalla chiusura dello storico Velvet di via Sant'Aquilina che con i suoi live underground ha fatto ballare almeno due generazioni di riminesi. L'apertura del nuovo "Baldoria", brew pub con birre agricole, pista da concerti, pizze e hamburger gourmet è in programma giovedì 13 febbraio alle 18.30, con una piccola anteprima per stampa e autorità alle 12.

Un emozionato Manuel Celli ne dà annuncio alla stampa proprio nella conferenza stampa di martedì mattina: dopo aver affrontato importanti lavori di ristrutturazione su 55mila metri quadrati, che dell'ex locale hanno lasciato ben poco, e un investimento in produzione di birre agricole artigianali che è confluito nell'immissione sul mercato brassicolo a partire da settembre di cinque tipi di birre diverse sotto il marchio "Beha", che farà anche la sua prima apparizione al Beer&food Attraction, ora è pronto ad aprire le porte della sua nuova birreria a 160 coperti più altrettanti posti all'aperto dislocati su terratte panoramiche a livelli, che saranno totalmente utilizzabili con l'arrivo della bella stagione.

Per il momento si parla tanto di bere e mangiare bene, meno di concerti e spettacoli perché la programmazione deve ancora partire e perché è stato più urgente perfezionare il locale e farlo trovare pronto nei minimi dettagli, da quelli strutturali a quelli di stile e arredamento, assegnato in due stanze alla maestria dell'artista Davide Frisoni.

Manuel ha 36 anni e ha sviluppato l'idea di produrre birra nel 2016, staccandosi dal concetto "metalmeccanico" della Celli spa, azienda di spillatura di famiglia. (f.v.)

ASCOLTA L'AUDIO