Luned́ 20 Maggio12:09:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Una troupe di "Striscia la Notizia" indaga sullo stato di salute del ponte di Pietracuta di San Leo

L'inviata Chiara Squaglia ha fatto un sopralluogo accompagnata dall'ingegnere novafeltrese Cristian Angeli

Attualità Pietracuta di San Leo | 06:35 - 30 Aprile 2019 Cristian Angeli assieme a Chiara Squaglia di Striscia la Notizia nel servizio sul ponte Presale Cristian Angeli assieme a Chiara Squaglia di Striscia la Notizia nel servizio sul ponte Presale.

Nella giornata di venerdì 26 aprile una troupe del noto programma tv “Striscia la Notizia” è stata avvistata in Valmarecchia, più precisamente sopra e sotto il ponte di Pietracuta di San Leo, costruito per attraversare il torrente Mazzocco, non distante dal centro del paese. Sollecitata dalle segnalazioni dei cittadini a seguito dell’evidente - e preoccupante - stato di degrado di un pilone del collegamento viario, la troupe ha fatto capolino nella frazione marecchiese giusto appena dopo la pubblicazione di un nostro approfondimento sul mancato controllo del rispetto dei limiti di carico imposti su quello stesso ponte ai mezzi pesanti, per carichi sopra le 20 tonnellate in direzione Rimini e di 40 tonnellate in direzione Novafeltria.

L’inviata 36enne Chiara Squaglia si è avvalsa ancora una volta del parere professionale dell’ingegnere civile con specializzazione in edilizia e strutture Cristian Angeli di Novafeltria, interpellato sullo stato di salute del ponte che consente l’attraversamento del corso d’acqua lungo la provinciale 258. Il servizio dovrebbe andare in onda nel giro di una settimana.

«L’inviata si è occupata del caso di Pietracuta ma anche della congestione del traffico in alcuni tratti più a monte di Novafeltria, sulla E45», precisa Angeli, «è difficile fare un ragionamento così complicato in così poco spazio. Sono stati posti dei limiti su questi ponti e senza dubbio chi li ha messi avrà fatto le dovute verifiche». In poche parole: vanno rispettati. «Questa è una situazione che va monitorata».

Sul collegamento passano numerosi mezzi, pertanto la mancata osservata dei divieti di transito può diventare una delle cause di sollecitazione maggiori. Un’altra situazione vicina che preoccupa esperti e residenti è quella del viadotto Presale nel Comune di Sestino, in provincia di Arezzo: un’infrastruttura importante per la quale serviranno anche finanziamenti maggiori. Intanto per Pietracuta la Provincia ha stanziato 150 mila euro. Basteranno?

Francesca Valente