Luned́ 21 Settembre17:27:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Welfare: Inpdap, spesa Italia sotto media Europa

Attualità Nazionale | 19:42 - 05 Giugno 2008

In Europa le prestazioni sociali di previdenza, sanità e assistenza assorbono mediamente quasi il 27% del prodotto lordo, raggiungendo un valore massimo in Svezia (31%) ed uno minimo in Irlanda (17%). In Italia il rapporto tra spesa sociale e Pil si mantiene oltre un punto percentuale al di sotto della media europea e sotto il livello raggiunto in Francia (29%) e Germania (28,4%). Il confronto fra i diversi sistemi di welfare è stato al centro di un convegno promosso dall'Inpdap nell'ambito di 'Euro.Pa', il salone delle autonomie locali in corso a Rimini. Allo stato attuale i sistemi europei di protezione sociale non sembrano più essere in grado di rispondere ai nuovi scenari che si stanno delineando. Oggi la loro struttura appare infatti inadeguata sia a sostenere l'impatto delle trasformazioni economiche e demografiche in atto nelle nostre società, sia a soddisfare i bisogni di larghe fasce della popolazione. Questa situazione scava un profondo fossato tra i cittadini che beneficiano di ampie garanzie, i cosiddetti insider, e i cittadini che invece dispongono soltanto di tenui sostegni, gli outsider. Inoltre la crescente incidenza degli anziani sulla popolazione in età lavorativa mette sotto pressione la finanza pubblica, e tende ad imprimere un'accelerazione a categorie di spesa quali i trattamenti pensionistici, la tutela della salute e l'assistenza a lungo termine. "L'invecchiamento della popolazione pone seri problemi alla sostenibilità del sistema previdenziale e del welfare nel suo complesso - spiegano all'Inpdap - La necessità di introdurre modelli di valutazione delle attività legate alla responsabilità sociale può permettere di individuare nuove strade da percorrere, ad oggi inesplorate".