Mercoledý 23 Settembre04:32:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Una serata dedicata al ricordo di Daijiro Kato.

Eventi Misano Adriatico | 15:43 - 30 Agosto 2007 Una serata dedicata al ricordo di Daijiro Kato.


Una dedica col cuore da parte di tanti amici che hanno voluto ricordare Daijiro Kato. Da Guido Meda a Loris Capirossi fino ad arrivare al collegamento telefonico con Valentino Rossi e alle migliaia di persone che hanno voluto essere presenti in piazzale
Colombo, una testimonianza di affetto per il pilota giapponese timido e riservato che aveva deciso di vivere a Misano Adriatico. DediKato a un pilota che parlava poco, ma sapeva farsi amare. Ospite a sorpresa è arrivato Guida Meda che con la sua inconfondibile verve ha condotto il talk show mercoledì sera a Portoverde in memoria del pilota scomparso assieme a Marco Masetti, altra nobile firma del mondo delle due ruote. Tanti i piloti e gli amici che hanno voluto ricordare Daijiro Kato. Anche Valentino lontano da Misano Adriatico per altri impegni ha voluto essere presente attraverso un contatto telefonico
che lo ha "portato" sul palco per scambiare con i conduttori e il pubblico le sue sensazioni sul nuovo Misano Circuit. Non ha voluto essere da meno Loris Capirossi. Per lui bagno di folla, una vera ovazione da parte dei tifosi che attendono una nuova Desmo vittoria,
per dirla alla Guido Meda. Commosse le parole pronunciate da Alex Barros che ha ricordato come fosse difficile correre contro di lui, Kato, un grande campione che se n'é andato troppo presto. E non poteva mancare la voce del "mitico" Giovanni Di Pillo.
Piazzale Colombo si è riempito in pochi istanti. Amici e tanti appassionati hanno voluto  ricordare il pilota giapponese che aveva deciso di vivere a Misano. Occhi lucidi quando ha parlato il dottor Claudio Costa anima della Clinica mobile. Costa ha ricordato quei giorni difficili, quegli attimi quando «Kato è arrivato nella Clinica col cuore che non batteva
più e noi, con tutti i colpi che davamo su quel torace, siamo riusciti a farlo ripartire. Quattordici giorni più tardi la signora vestita di nero ce lo ha portato via dimostrandoci che anche noi abbiamo dei limiti. Voi tutti questa sera (ha detto rivolto al pubblico) avete fatto ciò che io non sono stato capace di fare, avete fatto battere ancora il cuore di Daijiro». Al dottor Costa è stato riconosciuto il premio Daijiro Kato 2007 per la sua costante attività nel mondo del Motomondiale.
Non poteva mancare Fausto Gresini che ha ricordato il suo pilota, ed ha donato per l'asta di beneficenza il cui ricavato andrà alla Clinica Mobile, la replica del casco col quale ha vinto il mondiale in 125.