Domenica 01 Agosto17:22:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Spinelli in Grecia: legale, serve proporzione tra reato e pena

Attualità Santarcangelo di Romagna | 18:23 - 04 Settembre 2008

Tra reato commesso e pena inflitta ci dev'essere proporzione, e nel caso di Luca Zanotti e Davide D'Orsi, i due giovani del Riminese che per aver portato in Grecia 21 grammi di hascisc rischiano l'estradizione verso quel paese, non c'é. Né è convinto il legale di Zanotti, l'avv. Alberto Zaina. La Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza con cui la Corte d'Appello di Bologna aveva negato l'estradizione di D'Orsi, raggiunto da mandato d'arresto europeo. Per Zanotti la Suprema Corte aveva già convalidato il mandato di arresto, non ancora eseguito. I due non possono essere giudicati in contumacia. "Bisogna che ci sia sempre proporzione tra le colpe commesse e le conseguenze che si pagano, e non è questo il caso - ha detto - Qui non si contesta l'episodio in sé, che pure c'é stato ed è sanzionabile. Noi contestiamo che un cittadino italiano venga mandato all'estero per scontare una carcerazione preventiva per un periodo indeterminato per un reato che è stato commesso in Italia e soltanto accertato in Grecia". Domani sera è prevista una manifestazione di solidarietà nel paese dei due ragazzi, Santarcangelo di Romagna. Tra gli amministratori pubblici che sostengono l'iniziativa c'é il sindaco Mauro Vannoni: "Ci stiamo dando da fare attraverso i parlamentari riminesi affinché trovino una via d'uscita".

< Articolo precedente Articolo successivo >