Venerd́ 23 Luglio20:20:47
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Serie B: Spezia, prossimo avversario del Rimini

Sport Rimini | 17:11 - 17 Marzo 2008 Serie B: Spezia, prossimo avversario del Rimini

Il Rimini, reduce dalla deludente sconfitta in casa dell’Avellino, affronta per il turno infrasettimanale lo Spezia, una delle squadre papabili per la retrocessione, anche a causa di una difficile situazione societaria e di precarie condizioni economiche. Sfumato il ritorno nel mondo del calcio del vulcanico presidente Tonellotto, quello delle diete macrobiotiche, la guida della società è passata nelle mani di Cristina Cappelluti (prima e finora unica donna a ricoprire tale carica nel club), incaricata, anche con il supporto delle istituzioni cittadine, di traghettare la squadra verso la salvezza in attesa di reperire nuovi soci in grado di acquistare le quote societarie in possesso di Giuseppe Ruggieri.

Nel mercato di gennaio l’ossatura della squadra ha subito una vera e propria rivoluzione: hanno lasciato lo Spezia fra gli altri Do Prado, Saverino, Biso, Frara e Colombo (praticamente tutto il centrocampo titolare). Soda si è trovato così costretto a lavorare con un nuovo gruppo di giocatori: ben 10 i nuovi acquisti da integrare. Tatticamente il 4-1-4-1 di inizio stagione è stato corretto in un 4-3-2-1. Senza Do Prado e Colombo sulle fasce (l’attaccante ora al Pisa si è rilanciato in Liguria nel ruolo di esterno), mister Soda ha rilanciato il nigeriano Eliakwu, affiancandogli Millesi, due guastatori alle spalle di bomber Guidetti, 11 reti in 26 partite. A centrocampo a fianco del jolly Padoin, scuola Milan, impiegabile anche come terzino destro, operano due nuovi arrivi: il ceco Herzan, portato in Italia da Zeman  e il regista Romondini, ingaggiato dal Venezia.

In difesa mancherà lo squalificato Ceccarelli, al suo posto dovrebbe essere impiegato Camorani, che a Treviso l’anno scorso con Ezio Rossi ha arretrato il proprio raggio d’azione. L’ex bolognese Tedeschi e l’argentino Fernandez, giramondo in Sudamerica, si contendono un posto: se gioca il primo, Bianchi opera terzino sinistro, con il secondo l’ex cesenate affianca Zaninelli, altro ex bianconero, al centro della difesa. Bianchi, assieme a Guidetti il giocatore più impiegato fra le fila dei liguri, può operare in tutti i ruoli della difesa, sia in un reparto a quattro che in un reparto a tre. Fra i pali ha recuperato dall’infortunio Santoni, cresciuto nel vivaio del Cesena, sostituito in precedenza con discreti risultati dal giovane Ivan Dazzi, ex Castelnuovo.

In alternativa il tecnico Soda può schierare il 3-4-2-1, con Camorani e Gorzegno ad operare sulle fasce. Nel 4-1-4-1 Gorzegno (21 presenze e 4 reti) veniva impiegato in alternativa a Colombo sulla fascia sinistra, per sfruttare le sue capacità di inserimento sottoporta.

Riccardo Giannini

< Articolo precedente Articolo successivo >