Domenica 05 Dicembre05:07:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sciopero lavoratori: venerdì anche Rimini

Cronaca Emilia Romagna | 15:45 - 11 Febbraio 2009

Saranno circa 10.000 i lavoratori metalmeccanici e della funzione pubblica che venerdì partiranno dall' Emilia-Romagna con tre treni e 120 pullman per Roma per lo sciopero generale contro la politica economica del governo indetto da Fiom e Fp-Cgil. Il dato è stato diffuso in una conferenza stampa nel corso della quale il segretario generale dell Fiom Emilia-Romagna, Gianni Scaltriti, ha parlato di imprese che "cercano di intimidire i lavoratori per scoraggiare lo sciopero, in particolare quelli in cassa integrazione", che oggi sono più di 40.000 (erano 20.000 a fine 2008) e "cresceranno ancora". "In varie aziende - ha spiegato il sindacalista - come la Scm di Rimini (leader mondiale della produzione di macchine per il legno) vengono spostati i calendari della cassa integrazione per mettere in difficoltà i lavoratori". Cioé si sposta la cassa integrazione alla settimana prima o a quella dopo lo sciopero del 13, in modo che questo diventi uno dei pochi giorni lavorativi che, se si perdono, comportano ripercussioni negative per tfr, ferie e tredicesima. Fiom e Funzione Pubblica della Cgil da tempo avevano indetto lo sciopero comune del 13 sia contro la politica del governo che contro l' accordo separato sul modello contrattuale che "riduce il reddito dei lavoratori". Il segretario generale della Fp regionale, Marina Balestrieri ha lanciato l' allarme precari, ricordando che, dall' 1 luglio (data da cui non si potranno più rinnovare i contratti a tempo determinato nel pubblico impiego), in Emilia-Romagna ci saranno 4.500 tra infermieri e insegnanti di scuola materna che perderanno il posto senza alcuna possibilità di cassa integrazione.

< Articolo precedente Articolo successivo >