Marted́ 01 Dicembre06:33:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sciopero dei bagnini, fallito il tentativo di mediazione dell'assessore Pasi

Cronaca Rimini | 15:23 - 07 Agosto 2009 Sciopero dei bagnini, fallito il tentativo di mediazione dell'assessore Pasi

Riceviamo e pubblichiamo:

E’ fallito il tentativo dell’Assessore Regionale al Turismo Pasi di istituire un servizio minimo essenziale di assistenza alla balneazione da svolgersi durante lo sciopero dei marinai di salvataggio nella giornata di sabato 8 agosto 2009.

La proposta, che per noi era da prendere in seria considerazione, perché in modo equilibrato prevedeva che venisse assicurato, durante lo stato di agitazione, un servizio, costituito in parte da bagnini diplomati e in parte da salvataggi, è stata rifiutata dalla CGIL, che in modo categorico è rimasta sulle proprie posizioni intransigenti.

I titolari di stabilimenti balneari, soci di questo sindacato, che aderiscono ad organizzazioni che svolgono il servizio di salvataggio in forma collettiva, prendono atto che dette organizzazioni si trovano, loro malgrado, coinvolte nello sciopero proclamato da Filcams CGIL di Rimini per la giornata di domani e non potranno assicurare un regolare servizio.

In conseguenza di ciò, e nell’eventualità che ciò accada, essi comunicano che si atterranno a quanto previsto dal dettato dell’ordinanza balneare n. 1/2009 della Regione Emilia Romagna così come precisato dalla nota, classif. 2426/460/80/10, del Dirigente Responsabile del Servizio Turismo e Qualità Aree Turistiche.

Pertanto, all’evenienza, essi si adopereranno affinché l’eventuale assenza del servizio di salvamento sia segnalato con la bandiera rossa e nel contempo si impegneranno ad attivare i servizi minimi essenziali predisponendo e rendendo disponibile presso ogni struttura balneare un’imbarcazione di emergenza armata e pronta per l’uso adoperandosi per evitare ai bagnanti eventuali criticità, per salvaguardarne l’incolumità.

Cesare Trevisani, ufficio stampa Oasi Confartigianato.