Sabato 15 Maggio10:57:18
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo, al via lotta alla Zanzara Tigre

Sanità Santarcangelo di Romagna | 13:37 - 13 Maggio 2010 Santarcangelo, al via lotta alla Zanzara Tigre

Al via la campagna 2010 di prevenzione e lotta contro la zanzara tigre a cura di Anthea, la società di cui il Comune di Santarcangelo fa parte e che interesserà oltre 6.600 caditoie pubbliche.

Il primo trattamento antilarvale partirà infatti nei prossimi giorni e comprenderà alcune zone del Capoluogo per poi proseguire nel restante territorio comunale (l’elenco completo è disponibile sul sito del Comune) dove verranno trattati con prodotti antilarvali sia gli spazi pubblici (caditoie, pozzetti stradali, ecc,) che quelli privati. La campagna di prevenzione – che continuerà nelle prossime settimane – prevede infatti anche il trattamento dei tombini privati e la consegna del prodotto larvicida “porta a porta” alle oltre 4.200 famiglie per le quali risulta il possesso di tombini o griglie nelle quali può depositarsi acqua.

Intanto è già partita la campagna di informazione promossa dall’Amministrazione comunale sui comportamenti che occorre osservare per combattere la zanzara tigre ed evitarne la proliferazione. Manifesti e locandine verranno inoltre affissi lungo le vie principali della città per comunicare le date dei passaggi del “porta a porta”, date che potrebbero subire delle variazioni a seconda delle condizioni meteorologiche. Ad ogni famiglia verrà infine consegnato un contenitore con uno speciale liquido antilarvale che, a partire dal 28 maggio e fino al 30 luglio, potrà essere anche ritirato in via Andrea Costa 30 dove saranno presenti operatori di Anthea tutti i venerdì dalle 10 alle 12. Per informazioni e segnalazioni è inoltre attivo un numero dedicato che è possibile contattare dal lunedì al venerdì (dalle 8 alle 14): tel. 0541/767.444.

Dall’assessore all’Ambiente Renzo Casadei arriva l’invito rivolto a tutti i cittadini a collaborare attivamente per combattere la zanzara tigre in un modo più efficace, osservando alcune regole che possono contribuire concretamente a prevenire la nascita di focolai di infestazione, come ad esempio evitare raccolte e ristagni d’acqua, controllare le grondaie, pulire i tombini, svuotare i sottovasi.

< Articolo precedente Articolo successivo >