Giovedý 01 Dicembre01:08:58
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ritardo treni, Peri: 'applicheremo sanzioni'

Attualità Emilia Romagna | 17:22 - 22 Dicembre 2009 Ritardo treni, Peri: 'applicheremo sanzioni'

Quanto successo ai treni nella settimana tra il 13 e il 18 dicembre scorsi "oltrepassa la soglia di una fisiologica mancanza di rispetto degli standard" e la Regione Emilia-Romagna applicherà "le sanzioni, ma siamo convinti che questo non basta". Così l'assessore regionale ai trasporti, Alfredo Peri, ha risposto a due interrogazioni poste al 'question time' dai consiglieri Daniela Guerra (Verdi) e Luca Bartolini (An-Pdl) sui disservizi registrati con l'entrata in vigore del nuovo orario ferroviario il 13 dicembre scorso.

"Non siamo soddisfatti - ha aggiunto Peri - di come si sta applicando il nuovo orario e se si confermasse nelle prossime settimane il perdurare di livelli di puntualità così bassi e il ricorso alla soppressione dei treni, si porrà un problema serio di revisione del programma di circolazione non solo limitato ai treni regionali, ma che dovrà considerare anche adeguamenti da imporre a treni che non dipendono dal contratto con le Regioni. Ad esempio chiederemo di togliere treni che si sovrappongono con quelli regionali. E' evidente - ha concluso - che non siamo disposti a pagare, e il prezzo non è basso, cifre consistenti e poi subire le interferenze che qualcun altro decide di metterci tra le ruote". La consigliera Guerra chiedeva conto dei ritardi registrati in genere dai treni usati dai pendolari in Emilia-Romagna su tutte le tratte, anche prima dell'emergenza maltempo di questi giorni, e legati perlopiù a guasti tecnici di mezzi e linee dei treni veloci, deviati sulla linea storica a scapito degli altri treni.

Al consigliere Bartolini, preoccupato in particolare per la tratta Rimini-Bologna e per alcune penalizzazioni, Peri ha risposto che sulla "inservibilità della carta 'Mi muovo', la Regione ha deciso di affrontare il caso delle diverse decine di viaggiatori che risulteranno penalizzati, chiedendo a Trenitalia di rimborsare su rchiesta la metà dell'importo complessivo di 110 euro per ogni mese di validità residua". A Trenitalia è stato chiesto anche di aumentare le possibilità di viaggio tra Bologna e Rimini e di "permettere l'accesso ai possessori della tessera su tutti i treni Ic e Es City". L'assessore poi ha rilevato di non aver ricevuto alcuna comunicazione sulla soppressione di treni Es City e Intercity e di aver scritto prima all'ad di Trenitalia e poi all'ad di Fs per chiedere una revisione del nuovo orario, "ma senza ricevere risposta".

Si tratta di traffico nazionale sul quale la Regione non ha competenza e dove i servizi dovrebbero essere regolati tra Gruppo Fs e Governo, ha chiarito l'assessore, suscitando la reazione del consigliere di opposizione, che non ha gradito il "rimpallo di responsabilità". In ogni modo "a gennaio - ha annunciato Peri - verranno ripristinate le fermate di Forlì, Faenza e Fiorenzuola. Noi - ha concluso - siamo per rimettere tutte le fermate dell'orario precedente e continueremo a sollecitare una soluzione all'amministratore delegato di Trenitalia, in assenza di un referente istituzionale".

< Articolo precedente Articolo successivo >