Lunedì 23 Novembre18:10:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini a convegno mondiale su Insegnamento Shoah

Sociale Rimini | 17:57 - 26 Giugno 2008

Anche il Comune di Rimini, quale città modello per il suo progetto Educazione alle Memoria, parteciperà in rappresentanza dell'Italia alla 6/a edizione del Convegno mondiale sull'insegnamento della Shoah, dal titolo 'Teaching the Shoah. Fighting Racism and Prejudice', che si terrà dal 7 al 10 luglio a Gerusalemme. L'iniziativa, promossa da Yad Vashem, il più importante Museo dell'Olocausto al mondo e Scuola Internazionale di Studi sulla Shoah, vedrà coinvolti 750 docenti provenienti da 52 Paesi di tutti i continenti. Interverranno al convegno storici come Yehuda Bauer, David Bankier, Omer Bartov, nonché Ministri della Pubblica Istruzione di vari Stati e rappresentanti dei principali musei e istituzioni legati alla trasmissione della memoria della Shoah. In rappresentanza dell'Italia tre sole istituzioni sono state formalmente invitate dallo Stato di Israele a intervenire: l' Aned, Associazione Nazionale Ex Deportati di Roma, l'Insmli, Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione di Milano, e il Comune di Rimini. Laura Fontana, responsabile del progetto, interverrà al convegno presentando l'unità didattica 'Sport and Human Rights: the case of the 1936 Berlin Olympic Games', rivolta ai docenti dei paesi anglofobi. Questo lavoro educativo, già presentato agli studenti e ai docenti delle scuole di Rimini, è stato particolarmente apprezzato da Yad Vashem, che ne ha richiesto una traduzione anche in lingua francese e lo ha segnalato alla Fondation Memoire de la Shoah e all'Università la Sorbona di Parigi, dove è stato presentato in aprile nell'ambito del seminario di storia della Shoah. La versione francese della ricerca sulle Olimpiadi di Berlino verrà pubblicata in autunno sulla rivista 'Les Cahiers de la Shoah'. E' la terza volta che Yad Vashem invita il Comune di Rimini a partecipare a iniziative di livello internazionale, "a conferma - sottolinea una nota - del livello di eccellenza raggiunto dalle attività promosse dall'Amministrazione sul tema dell' educazione alla memoria dei giovani".