Giovedì 24 Settembre17:25:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ricette e tradizioni del buon mangiare in Romagna

Rimini | 14:23 - 23 Luglio 2008

Non solo un libro di ricette ma anche una panoramica sulle tradizioni e usanze agroalimentari della Romagna di una volta, che però non è poi così lontana da quella attuale. Per orientarsi fra i piatti e le specialità tipiche locali è nata la guida 'Mangiare in Romagna' pubblicata dall'agenzia 'L'Altra Romagnà e dalle Province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini con il sostegno della Fondazione Cassa dei risparmi di Forlì. Un volume di 190 pagine suddivise in 11 capitoli, che descrivono e valorizzano i prodotti romagnoli più apprezzati, dalla piadina al brodo, dalle minestre di terra e di mare ai secondi di carne e pesce, dalle verdure ai dolci per concludere con liquori, conserve e vini. Frutto di un lavoro di ricerca e integrazione fra più fonti per rendere fruibili ricette autorevoli, la guida segue il filo rosso del territorio suggerendo nelle ricette prodotti stagionali e locali o a marchio Dop e Igp, come ad esempio il sale di Cervia, l'olio extravergine di oliva di Brisighella, lo scalogno di Riolo Terme. In più nel libro le poesie in dialetto romagnolo di Aldo Spallicci si alternano alla lista degli ingredienti, mentre citazioni tratte da 'L'arte la scienza in cucina e l'arte di mangiare bené di Pellegrino Artusi (anche lui romagnolo) introducono aneddoti e approfondimenti. La guida si può richiedere all'agenzia di promozione 'L'Altra Romagnà. Info: tel. 0543 903091 e www.altraromagna.net