Giovedý 25 Febbraio20:53:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione. Omaggio video-cinematografico a Pina Baush

Spettacoli Riccione | 11:31 - 09 Febbraio 2011 Riccione. Omaggio video-cinematografico a Pina Baush

L'omaggio video-cinematografico dedicato alla danzatrice e coreografa tedesca Pina Baush, nel primo anniversario della scomparsa, presentato nella scorsa edizione del Riccione TTV Festival con il titolo "Pina Baush. Un ritratto" verrà riproposto nell'ambito della rassegna "Equilibrio - Festival della nuova danza" che si svolgerà all'Auditorium di Roma dal 11 al 20 febbraio.

Oltre allo storico Premio Riccione dedicato alla drammaturgia contemporanea, Riccione Teatro propone da venticinque anni il Riccione TTV Festival (Teatro Televisione Video), festival biennale che mette a fuoco gli intrecci tra arti sceniche e media. L'edizione 2010 del Riccione TTV Festival ha presentato uno straordinario programma video-cinematografico dedicato a Pina Bausch, nel primo anniversario della sua morte; l’omaggio alla grande coreografa tedesca viene riproposto - arricchito da altri documenti e prime visioni assolute - nell'ambito della settima edizione di Equilibrio - Festival della nuova danza, in programma all’Auditorium di Roma.

Nei giorni 11, 12, 13 e 18, 19, 20 febbraio lo Spazio Ascolto dell'Auditorium ospiterà infatti Pina Bausch. Un Ritratto, rassegna di film e video di e su Pina Bausch, a cura di Leonetta Bentivoglio e Riccione Teatro TTV Festival (Chiara Girolomini, Simone Bruscia, Antonella Bacchini). Per l’occasione verranno proiettati oltre 20 documenti video tra film e spettacoli della rivoluzionaria artista che ha mutato per sempre la macchina emozionale del narrare scenico attraverso i danzatori-attori del Tanztheater Wuppertal. Oltre alle riprese dei suoi più importanti spettacoli in programma anche documentari d’autore tra cui il prezioso A primer for Pina della scrittrice Susan Sontag e, per la prima volta in Italia, il video integrale dello spettacolo 1980 un pezzo di Pina Bausch in collaborazione con il Centro Pompidou di Parigi.

< Articolo precedente Articolo successivo >