Lunedì 01 Marzo17:30:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione celebra la Giornata della Memoria

Attualità Riccione | 12:05 - 24 Gennaio 2011 Riccione celebra la Giornata della Memoria

In occasione della Giornata della Memoria, la città di Riccione propone alcune iniziative rivolte alle scuole e alla cittadinanza al fine di mantenere viva la riflessione su una delle più grandi tragedie della storia contemporanea.
Il Consiglio comunale, convocato per giovedì 27 gennaio alle ore 18,30 si aprirà con l’invito del Sindaco Massimo Pironi ad osservare un minuto di silenzio, mentre sugli schermi verranno proiettate immagini relative alla Schoah, girate dai militari Alleati al loro ingresso nei campi di sterminio.
La settimana scorsa (giovedì 20 gennaio), al Teatro del Mare, le Scuole elementari, medie e superiori hanno preso parte al matinèe teatrale “Olocausti” proposto dalla compagnia Pandemonium Teatro, con letture di brani letterari e spezzoni cinematografici sull’antisemitismo e sulla tragedia dell’Olocausto.
Martedì 25 e giovedì 27 gennaio alle 21,15 in proiezione unica presso la Multisala CinePalace Riccione, nell’ambito della rassegna Riccione Cinema D’Autore 2011  verrà proiettato il film Adam Resurrected 
di Paul Schrader, con Jeff Goldblum, Willem Dafoe, Vasile Albinet
(Germania, USA, Israele. 2009).
Il Giorno della Memoria è una ricorrenza istituita con la legge n. 211 del 20 luglio 2000 dal Parlamento italiano che ha in tal modo aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata in commemorazione delle vittime del nazionalsocialismo e del fascismo, dell'Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati.
Il testo dell'articolo 1 della legge così definisce le finalità del Giorno della Memoria: « La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. »
La scelta della data ricorda il 27 gennaio 1945 quando le truppe sovietiche dell'Armata Rossa, nel corso dell'offensiva in direzione di Berlino, arrivarono presso la città polacca di Oświęcim (nota con il nome tedesco di Auschwitz), scoprendo il suo tristemente famoso campo di concentramento e liberandone i pochi superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono compiutamente per la prima volta al mondo l'orrore del genocidio nazista.

 
< Articolo precedente Articolo successivo >