Lunedė 23 Novembre20:01:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Re Nero: perquisita redazione Corriere Romagna

Cronaca Forlì | 18:06 - 19 Giugno 2008

Per ordine della procura di Forlì, agenti della polizia e militari della Guardia di Finanza hanno eseguito nella tarda mattinata di oggi una perquisizione nella redazione forlivese del quotidiano 'Il Corriere di Romagna'. L'iniziativa, finalizzata all'acquisizione di documenti (che non sono stati trovati), è da mettere in relazione all'articolo, pubblicato oggi dal giornale, sugli azionisti dell'Asset Banca e riferito alla nota vicenda che vede da tempo la magistratura forlivese indagare sui rapporti finanziari fra istituti bancari italiani e sammarinesi e che ha portato, tra l'altro, al sequestro di circa due milioni 300 mila euro in contanti diretti sul Titano. Nell'articolo, a firma di Raimondo Baldoni, si ripercorre la vicenda della sammarinese Asset Banca. Dei 50 azionisti vengono fatti i nomi solo di due (presidente e direttore di Asset), ma viene precisato che dell'elenco farebbero parte diversi noti imprenditori romagnoli e, fra questi, a detenere il maggior numero di azioni sarebbe "una imprenditrice di Rimini". Nell'articolo viene poi citata, sempre fra gli azionisti di Asset, una 'Fiduciaria 301', oltre ad un conto corrente anonimo chiamato 'Forli''. Tutti elementi che hanno portato il magistrato che guida l'indagine, il sostituto Fabio Di Vizio, a disporre la perquisizione. "Noi - ha commentato Patrizia Lanzetti, direttore del Corriere di Romagna, contattata al telefono - abbiamo fatto solo il nostro lavoro di giornalisti. Da mesi c'é questa inchiesta e abbiamo cercato di capire cos'é Asset banca, che è anche al centro di una rogatoria della procura di Forlì alle autorità sanmarinesi".