Mercoledý 03 Marzo03:37:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Provincia di Rimini cresce raccolta differenziata

Ambiente Rimini | 10:47 - 24 Gennaio 2008 Provincia di Rimini cresce raccolta differenziata

Il servizio di raccolta differenziata prosegue a pieno ritmo e nel confronto tra gli anni 2006-2007, presenta dati molto interessanti. Grazie alla completa riorganizzazione del servizio di gestione rifiuti della provincia di Rimini, la crescita della raccolta differenziata tra le due annate si attesta su un + 6,8%.  Dalla verifica e lo studio  dei dati statistici di riferimento rispetto al 2006, il trend complessivo è ancora più sorprendente: dal 27,2 del dicembre 2006, si è passati in dodici mesi al 36,9 e nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2007 è stato sempre superato il 37%.

Grazie a questi numeri si prevede che nel 2008 si partirà dal  da un 37% complessivo. Sempre dall'analisi dei numeri emerge come nel periodo estivo il trend tenda a diminuire a causa delle importanti presenze turistiche. Valore che tende ad aumentare invece nel periodo autunnale ed invernale, a dimostrazione che i cittadini della provincia di Rimini hanno cominciato a differenziare e smaltire al meglio i rifiuti delle proprie abitazioni.

La media di raccolta differenziata nel raffronto annuale (2006-2007) dei comuni costieri (Rimini, Riccione, Cattolica ,Misano,Bellaria) passa dal 25,5% al 32,4. I due comuni principali confermano questo trend di crescita: Rimini tocca il 34,7% con un dicembre sul 38%, Riccione è sul 29,6%,  ma a dicembre 2007 arriva a toccare un considerevole 43%. 

Anche la media dei comuni intermedi  (Santarcangelo,  Coriano,  Verucchio , San Giovanni, Morciano, Poggio Berni, Montescudo, Montecolombo, San Clemente) fa un balzo in avanti passando dal 25 al 30,6%. Per i comuni collinari ( Saludecio, Montegridolfo, Mondaino, Montefiore, Gemmano, Torriana) ancora un pò indietro rispetto alla tendenza complessiva, si è passati dal 15,9 del dicembre 2006 al 23,1 del dicembre 2007.

"Risulta evidente che l'andamento di riorganizzazione del servizio ci ha portato al 40% - commenta il Presidente di Ato Giorgio Grossi - è doveroso ringraziare i cittadini che hanno selezionato le matrici nel modo giusto. Al di là di questo, è altresì giusto ribadire che a parità di quantitativo del rifiuto prodotto, l'inceneritore di Raibano brucerà meno. L'Agenzia lavorerà al potenziamento delle politiche della raccolta differenziata confermando e potenziando se possibile i progetti del 2007 e prenderà seriamente in considerazione le possibilità di adottare nuove tecnologie utili per proseguire con successo il trend positivo". 

< Articolo precedente Articolo successivo >