Giovedý 24 Settembre04:44:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Prosegue riqualificazione lungoporto Diotallevi

Rimini | 15:47 - 23 Luglio 2008

Continuano a Rimini le iniziative per la riqualificazione del lungoporto Diotallevi, quel tratto di canale che va dal ponte della Resistenza fino al Ponte di Tiberio. Dopo il censimento dei natanti che hanno abituale ormeggio e che vede già oltre il 40% degli armatori registrati, si punta a censire la quasi totalità dei natanti non in stato di abbandono. La cooperativa Atlante effettuerà domani delle immersioni nel tratto di canale compreso tra il ponte dei Mille e il ponte di Tiberio per la bonifica di materiale inquinante presente nei relitti che giacciono sul fondale. L'iniziativa che si protrarrà per tutta la giornata di giovedì sarà resa possibile grazie alla collaborazione che Atlante ha da diversi anni con l'Associazione Marinando e la Petroltecnica srl che interverrà con il suo personale per la conslenza in materia di recupero e smaltimento degli inquinanti. A scendere in acqua sarà il nucleo sommozzatori dell'associazione carabinieri della provincia di Rimini che recupererà serbatoi, batterie e altro materiale che sarà consegnato alla Petroltecnica per il corretto smaltimento. Con l'occasione verranno catalogati i numerosi relitti affondati negli anni a causa di abbandono. La mappatura è stata sollecitata dall'assessorato ai Lavori pubblici del Comune per analizzare la possibilità di un piano di recupero e smaltimento in occasione del prosciugamento dell'invaso che inizierà a settembre. La catalogazione avverrà per topografica, dimensione e materiale di costruzione (vetroresina o legno). Interessante sarà conoscere il numero dei relitti che 'voci di banchina' dicono essere vicino alle cento unità. Nelle acque del canale giacciono infatti relitti di tutti i tipi, dal moscone alle imbarcazioni di 18 metri.