Sabato 27 Febbraio23:45:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Processo Tucker: sorge uno stupro di gruppo simulato

Cronaca Rimini | 09:38 - 20 Febbraio 2008 Processo Tucker: sorge uno stupro di gruppo simulato

Nel maxi processo Tucker spunta un nuovo shock. Uno stupro di gruppo simulato. Tra i tanti episodi avvenuti sorge anche quello di una giovane donna che ha raccontato, di essere stata costretta a scrivere su un notes i suoi segreti più intimi. E aveva commesso l’errore di confessare che all’età di sei anni era stata violentata, ha dovuto simulare l’atto insieme a tutti i partecipanti.

Il caso del ‘tubo miracoloso’ risparmia-energia che vede alla sbarra 53 persone e dall’altra parte 2000 parti civili. Ai vertici della piramide, Mirco Eusebi e la moglie, Ivana Ferrara, che oltre a raccogliere adepti, ogni tanto spedivano i loro venditori alle ‘caselle’, sorte di seminari per temprare loro il carattere e ‘purificarsi’Seminari che si svolgevano per 3-4 giorni in qualche agriturismo e che si dovevano pagare di tasca propria (6-700mila lire). Qui la gente prendeva ceffoni a tutto spiano, veniva legata alle colonne per ‘espiare’ i peccati, rasata a zero o crocefissa. La catarsi, raccontavano a quei poveracci che erano lì per salire la scala sociale e soprattutto economica, si otteneva soltanto confessando anche i più piccoli segreti. A ‘lavare’ la coscienza o rifornire di quel coraggio che non avevano, ci avrebbero pensato loro.

< Articolo precedente Articolo successivo >