Martedė 03 Agosto08:41:43
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Moto: Stoner firma 7a pole, Rossi insegue

Sport Rimini | 20:05 - 30 Agosto 2008

Mano in più, mano in meno, Casey Stoner è riuscito a firmare la pole-position del Gp di San Marino classe MotoGp. In barba allo scafoide della mano sinistra frammentato, l'australiano della Ducati ha intascato la sua settima partenza al palo stagionale, la diciassettesima della carriera. Concedendosi il lusso di affibbiare oltre mezzo secondo di distacco a un Valentino Rossi che non solo non riesce a digerire la pista spalmata all'ombra della natia Tavullia, ma che non è neppure riuscito a trovare il giusto equilibrio nella messa a punto della sua Yamaha. Un ritardo pesante con le gomme da qualifica, ancor più sostanzioso con le coperture da gara. Al re folletto, che ha sfoderato un casco con grafica dedicata al Gp di casa, con tanto di bucato steso ad asciugare davanti alla finestra, non resta che tentare qualche soluzione dell'ultimo minuto nel corso del warm-up. Altrimenti la gara sarà dura. Un po' per il caldo torrido, che lo stesso Rossi ha dichiarato più indicato per recarsi in spiaggia che per scendere in pista ed affrontare 28 tornate di corsa, un po' perché il divario tra Stoner e Rossi e gli inseguitori è minore di quelli che l'accoppiata terribile del Motomondiale s'é fatto irrisorio rispetto a quelli registrati nelle precedenti gare di Lagune Seca e Brno. Dalla prima fila scatterà anche Jorge Lorenzo, tornato a volare alto dopo un periodo buio e costellato di incidenti, terzo classificato a soli 76 millesimi dal compagno di garage Valentino. E in pochi spiccioli sono spalmate in griglia di partenza anche la Honda di Randy De Puniet, la Ducati di Toni Elias, la Honda di Daniel Pedrosa e la Suzuki di Chris Vermeulen. Nella bagarre delle prove non sono riusciti ad uscire dalle retrovie Loris Capirossi, scivolato in undicesima posizione, il sammarinese Alex De Angelis, tredicesimo, e Andrea Dovizioso, quattordicesimo tempo. D'un soffio davanti a un Marco Melandri ormai abbonato alla coda del gruppo nonostante cavalchi la stessa Ducati capace di far volare in pole Casey Stoner. Ma di dare un taglio alla lunga sfilza di figuracce del ravennate in casa Ducati non se ne parla neppure più. Se non una magra figura è stata ritenuta un'onta da Marco Simoncelli quella di farsi soffiare la pole della quarto di litro dal rivale iberico Hector Barbera. Ma il forte riccionese della Gilera è intenzionato a riprendersi il primato in gara. La prima fila della 250 è stata completata da Alex Espargaro e Yuki Takahashi mentre il riminese Mattia Pasini non è riuscito ad andar oltre la nona posizione. Straniera anche la pole della 125, finita nelle mani di GAbor Talmacsi. L'ungherese dell'Aprilia è riuscito a battere il britannico Bradley Smith e lo spagnolo Pol Espargaro, con il romano Simone Corsi buon quinto. Sotto le aspettative Andrea Iannone. Dopo buone libere, l'abruzzese ha concluso tredicesimo. La federazione internazionale ha comminato una sanzione amministrativa di 1000 dollari a Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, James Toseland e Colin Edwards, colpevoli di aver provato la partenza a prove ormai finite.

< Articolo precedente Articolo successivo >