Venerdì 23 Luglio20:57:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Loris Stecca, sto subendo un'ingiustizia da 20anni

Cronaca Rimini | 09:52 - 09 Marzo 2008 Loris Stecca, sto subendo un'ingiustizia da 20anni

"Per un attimo ho visto nero e ho pensato di farla finita, perché sto subendo un' ingiustizia da vent'anni. So che ho commesso qualcosa di eclatante, di grave, che non dovevo fare, ma voglio che la gente, i miei tifosi, gli amici e anche coloro che mi vogliono male capiscano che sono esasperato, non ne posso più". Loris Stecca, l'ex campione di boxe che questa mattina ha minacciato il suicidio dal cornicione di una galleria dell'autostrada A14, si sfoga dopo la brutta avventura. Da tempo Stecca attende un risarcimento danni per l'incidente stradale che gli impedì di continuare ad esercitare la sua professione di pugile. Anni dopo, l'ex moglie lo denunciò di voler truffare l'assicurazione, ma venne assolto dall'accusa. Attende però ancora più di 300.000 euro chiesti come risarcimento dal suo avvocato: 'Io mi chiedo - dice Stecca - se e' un delitto aver attraversato sulle strisce pedonali ed essere stato investito... Ma da allora la mia vita è finita, non posso più combattere e devo arrangiarmi per vivere. Intanto mi sono risposato, ho dei figli e devo pensare a loro! Ecco perché stamattina mi si è annebbiata la vista: non è che volessi fare notizia, è che proprio non ce la faccio più. E quando vedevo quei camion passare sotto di me, per qualche minuto ho davvero pensato di buttarmi e farla finita: non si può giocare così sulla pelle di un uomo, per tutti questi anni. Ma cosa aspetta la giustizia a fare il suo corso?". Stecca, che pochi mesi fa aveva chiesto a San Marino il permesso di tornare a combattere e se lo è visto rifiutare, conclude: "Tornano a combattere anche Tyson e Holifield, invece uno come me è troppo scomodo, non lo vuole più nessuno. Ma io non mi pento di nulla e andrò fino in fondo a questa vicenda, non voglio trattare. Però non voglio nemmeno fare il don Chisciotte. Chiedo solo giustizia".

< Articolo precedente Articolo successivo >