Domenica 01 Agosto08:56:42
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La lettera del tifoso: Manuel Foschi

Sport Rimini | 09:55 - 08 Settembre 2009 La lettera del tifoso: Manuel Foschi

Un tifoso del Rimini, Manuel Foschi, in rappresentanza della community del forum ""Riminivai", ha mandato alla Redazione una bellissima lettera che pubblichiamo integralmente.

Se altri tifosi biancorossi intendono mandarci le loro lettere, noi le pubblicheremo. Inviatecele all'indirizzo tifosialtarimini@gmail.com

Alla cortese attenzione del Rimini Calcio

Precisando innanzitutto che questa missiva non e' pensata da un gruppo o da una rappresentanza in particolare del tifo biancorosso ma si pone come voce trasversale di chi vive il calcio a scacchi biancorossi, intendiamo mettere al corrente la nostra squadra, rivolgendoci ai dirigenti e ai giocatori tutti, di alcuni pensieri che abbiamo avuto negli ultimi tempi. Dal giorno della retrocessione ad oggi siamo stati oggetto, inteso come piazza "Rimini", di svariate critiche da parte della dirigenza biancorossa: della serie i tifosi che hanno sttoscritto/rinnovato l' abbonamento sono troppo pochi; la gente ha voltato le spalle troppo in fretta; il tessuto imprenditoriale riminese non ci supporta e, dulcis in fundo, le istituzioni fanno buon viso a cattivo gioco ma non ci vengono incontro piu' di tanto neppure loro. Non piu' tardi di qualche giorno fa questi concetti sono stati ancora una volta ribaditi dal sig. Benedettini nell'ennesima intervista rilasciata alla stampa locale. Premesso che molti di noi condividono queste critiche e spesso si fanno pure portavoce delle stesse, oggi siamo pero' a chiedere conto del perche' non esista anche un aspetto autocritico di quello che e' attualmente la gestione della squadra. Vediamo giocatori col curriculum illustre, dall'ingaggio stellare che non giocano, liquidati pubblicamente con due battute e poco piu', vediamo giocatori confusi che prima si rendono indisponibili poi 36 ore dopo baciano la maglia e tutti sorridono come in un quadretto felice. Vediamo una squadra ancora non squadra con una condizione atletica approssimativa e ci sentiamo dire che "e' tutto preparato.....si andra' in forma fra un mese, forse anche un mese e mezzo". Sulla sterilita' offensiva prendiamo atto che in sede di mercato, cosi' ci avete detto, non era possibile acquistare senza prima vendere dunque accettiamo la situazione ed incrociamo le dita. Non ricordiamo a memoria da gennaio dello scorso anno ad oggi (e forse anche prima) un intervento duro, forte, grintoso mirato nei confronti di qualcuno che fosse al di sotto dei suoi standard di rendimento minimi....Ricordiamo, invece, molto bene il martello costante cui Rimini viene, giustamente, sottoposta per i suoi rendimenti al di sotto degli standard minimi (pochi abbonamenti pochi sponsor ecc. ecc.). Chiediamo un piccolo cambio di strategia, chiediamo durezza e trasparenza anche verso la squadra o chi gli gravita attorno ritenendo questo l' unico modo che esiste per invertire l'andazzo attuale. I poco piu' di 1000 abbonati e i paganti della domenica meritano rispetto e serieta' in quanto tifosi veri e appassionati, magari non tantissimi ma meritevoli del massimo, niente di piu' niente di meno.

< Articolo precedente Articolo successivo >