Mercoledý 02 Dicembre00:46:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Inaugurato pannelo storico su vecchio campanile

Attualità San Mauro Pascoli | 11:54 - 21 Aprile 2008

Il sindaco di San Mauro Pascoli, Gianfranco Miro Gori, ha inaugurato un pannello storico dedicato all'antico campanile di San Mauro, donato dalla sezione sammaurese di Italia Nostra. Il pannello posizionato ai piedi dell'antico campanile a ridosso della piazzetta don Luigi, descrive in breve la storia di uno dei “monumenti” storici del paese. Edificato nel 1841 e ampliamente danneggiato nel 1944 dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale, non è mai stato ricostruito per volere delle Belle Arti, memoria storica del paesaggio dell'ultimo conflitto bellico. Il campanile fu costruito con quattro campane fuse presso la fonderia dei Fratelli Balestra a Longiano. Il castello di sostegno delle campane, inizialmente in legno, venne completamente rifatto nel 1906 in ferro e legno con il restauro anche della cuspide della torre. Delle antiche campane, una sola suona ancora, oggi posizionata insieme a quelle del nuovo campanile.

All'inaugurazione del pannello erano presenti la presidente della sezione sammaurese di Italia Nostra, Cristina Savani, l'assessore alle Politiche sociali Maria Grazia Montanari, il parroco don Sanzio Monaldini e il seminarista Stefano Bellavista. Quest'ultimo è il curatore del volumetto “Don Luigi Reggiani”, realizzato a dieci anni dalla scomparsa (deceduto il 2 marzo del 1998), presentato sempre domenica scorsa. La vita di don Luigi è stata un tutt'uno con quella della comunità sammaurese: cappellano dal 1936 al 1949, parroco fino al 1985. Si devono a don Luigi il monumento alla madonna posizionato nel 1955 in occasione dell'anno mariano, oggi fresco di restauro; la ricostruzione della chiesa parrocchiale completamente distrutta dai bombardamenti della seconda guerra mondiale; il nuovo campanile; il nuovo organo, la nascita della corale don Lorenzo Perosi, e tante altre opere ancora. Il volume è disponibile presso la parrocchia di San Mauro.