Giovedý 25 Febbraio10:54:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il Premio Ilaria Alpi va a scuola

Attualità Riccione | 12:20 - 20 Gennaio 2011

Si inaugura domani, venerdì 21 gennaio, alle ore 15, la rassegna dal titolo: MANIPOLARE, DENUNCIARE, DISINFORMARE: 3 VERBI PER IL GIORNALISMO.
Quattro appuntamenti per un percorso rivolto ai giovani studenti riccionesi proposto dall’Archivio Ilaria Alpi in collaborazione con il Liceo scientifico Volta per approfondire il ruolo dell’informazione giornalistica in relazione a specifici accadimenti: dai fatti di Genova del 2001, ai casi di Federico Aldrovandi e di Alberto Mercuriali. Non dimenticando Ilaria Alpi.
Il primo documentario proposto, che racconta la storia di Alberto Mercuriali, sarà: “IL GIORNO IN CUI LA NOTTE SCESE DUE VOLTE” di Lisa Tormena e Matteo Lolletti.
La rassegna si apre con il saluto dell’Assessore alla Cultura del Comune di Riccione, Maria Iole Pelliccioni, a seguire il dibattito con gli studenti, gli autori del documentario e i genitori di Alberto Mercuriali, Maria Cristina Francesconi e Renzo Mercuriali.
La storia:
Analizzando il drammatico caso di Alberto Mercuriali, giovane castrocarese trovato in possesso di una modica quantità di hashish e suicidatosi a seguito della conferenza stampa indetta dalle forze dell’ordine e della conseguente eco che la sua vicenda trovò sui quotidiani locali, il documentario indaga i meccanismi che intercorrono tra forze dell’ordine e carta stampata, le modalità con cui si esercita il diritto di cronaca e la spettacolarizzazione strumentale di vicende come quella in esame.
“Il lavoro non intende realizzare un processo sommario né alla categoria dei giornalisti né alle forze dell’ordine. – ha spiegato Matteo Lolletti -  Con approccio volutamente mimetico, contrappuntato da inserti narrativi, vuole invece porsi come strumento di riflessione e di analisi.” 

< Articolo precedente Articolo successivo >