Venerdì 30 Luglio19:39:43
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il 4 settembre torna Assalti al Cuore

Eventi Rimini | 14:29 - 28 Agosto 2009 Il 4 settembre torna Assalti al Cuore

Il Festival Assalti al Cuore – venerdì 4 settembre, Piazzetta Gregorio da Rimini, ore 11 (ingresso libero) – presenta un inedito matinée dedicato a ospiti speciali: Gli ospiti incalliti. Persone, storia e natura, ovvero una conversazione-lettura che intreccia autori e opere.
Gli autori: Erri De Luca (foto), Ennio Cavalli, Marco Pivato. Le opere: L’ospite incallito, Libro grosso, A poca voce.

Erri de Luca: L’ospite incallito, Einaudi 2008

Dopo la raccolta Opera sull'acqua, nella quale si cimentava per la prima volta con l'”azzardo dei versi”, con queste nuove poesie, che incrociano alcuni temi di quel fortunato esordio poetico, Erri De Luca dà vita a una silloge di raggiunta maturità compositiva. Le sue poesie raccontano. Raccolgono personaggi, viaggi e dialoghi. Parlano di incontri e di volti. Sono tracce che indicano una storia possibile o tutta già avvenuta in un solo gesto istantaneo ed eterno. L'amicizia, i genitori, l'amore, la Napoli della sua prima infanzia, le missioni umanitarie in Bosnia o in Sudan. In questo testo Erri De Luca si racconta e si mette in gioco con poesie che trascendono sempre l'autobiografia per diventare messaggi sapienzali per chiunque apprezzi un atteggiamento di fermezza ma mai di arroganza nei confronti della vita degli uomini.

Ennio Cavalli: Libro grosso, Aragno 2009
Vincitore del premio letterario Viareggio-Repaci 2009 per la sezione poesia.

“Un viaggio dell’ascolto per vicoli e foreste, con qualche fermata nel deserto.” Così Ennio Cavalli definisce Libro grosso, che riunisce Libro di storia e di grilli, Libro di scienza e di nani, Libro di sillabe. “Nel primo dei miei libri – scrive l’autore – per ‘storia’ intendo i momenti dell’anima, gli estri sfrontati, gli azzardi collettivi che ci hanno resi così come siamo. Nel secondo, ‘scienza’ sta anche per ‘coscienza’, ‘fisica’ si allarga a ‘metafisica’. Mentre Libro di sillabe è un abbecedario di raduni, riporta a valle i frutti del ghiacciaio: parole e rimandi, radici e strappi.” Due sussidiari e un sillabario, per stanare “l’infanzia delle cose”. Un De rerum natura di straordinaria luce. Con un’ampia serie di inediti come finestra sul nuovo.

Marco Pivato: A poca voce, Manni 2008

“Questi versi d’amore, di una struggente e persino ribalda sincerità, si inseguono al di fuori di ogni educazione sentimentale, finché non splenda la prima qualità di cui è insignito l’amore, cioè la ricerca e la conoscenza, la percezione e il sentimento di quello stato regale e del suo indefettibile dominio; e qui mi preme non lasciar prevalere l’idea che si tratti di un ‘canzoniere’ dedicato non tanto all’amore, quanto a una alchimistica, combinatoria, innamorante felicità dell’animo e del corpo"
Sergio Zavoli


< Articolo precedente Articolo successivo >