Martedý 27 Luglio17:48:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Gran Premio Cinzano di San Marino e della riviera di Rimini

Eventi Misano Adriatico | 09:10 - 27 Agosto 2008 Gran Premio Cinzano di San Marino e della riviera di Rimini

Lo sforzo organizzativo di un team che da mesi lavora per il successo dell'evento.

Un Gran Premio del Campionato Mondiale MotoGP è uno degli eventi sportivi più importanti al mondo. Lo è per l’enorme visibilità mediatica produce, per gli interessi economici connessi ad una competizione nella quale sono presenti le più importanti marche di moto e per la dimensione della partecipazione di pubblico.
Ogni Gran Premio assume l’importanza equivalente ad una finale di Champion’s League di calcio. Ciò significa, sotto il profilo organizzativo, immaginare una gran mole di operazioni ai diversi livelli: ordine pubblico, mobilità, assistenza al pubblico. Per questo motivo tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nell’organizzazione dell’evento hanno reso stabile un tavolo di lavoro che nel corso dell’anno ha analizzato le situazioni, le potenziali problematiche ed individuato le soluzioni idonee.

Il piano della mobilità
Dopo l’esperienza positiva dello scorso anno e l’analisi dei flussi verso il circuito ed in partenza dallo stesso, lo scopo del team di lavoro è stato quello di agevolare ulteriormente la mobilità sul territorio in occasione del Gran Premio Cinzano di San Marino e della Riviera di Rimini.
L’intero piano della mobilità è stato il frutto di un intenso lavoro coordinato dal Vice Prefetto di Rimini Antonio Corona in sinergia con il Questore Antonio Pezzano, il Comandante della Polizia Stradale Angelo Frugieri, i Carabinieri, i Vigili del Fuoco, gli Assessorati Provinciali alla Mobilità e alla Viabilità, i Comandanti delle Polizie Municipali di Misano, Riccione, Cattolica e Rimini, Misano World Circuit, la Protezione Civile, i responsabili dell’Ausl, del 118 e della Croce Rossa, l’Agenzia della Mobilità e Autostrade per l’Italia.

L’obiettivo fondamentale è quello di indurre il più possibile gli appassionati ad utilizzare le navette gratuite che collegheranno i parcheggi al circuito. Il bus terminal delle navette gratuite è posizionato lungo via Agina, da dove a piedi e in pochi minuti è possibile raggiungere Misano World Circuit.
Vi fanno riferimento shuttle che transitano in zona mare da Cattolica a Riccione, dall’uscita del casello autostradale di Riccione e di Cattolica (raddoppiata la frequenza). Saranno utilizzati anche i trenini turistici per il trasporto delle persone. Sono previste 4 linee navetta per un totale di 22 navette (partenze ogni 10’) da 50 posti ognuna.

Alle attività svolte già nel 2007 (presidi incroci, divisione dei flussi di traffico, limitazioni del traffico vicino al circuito, utilizzo di elicottero per il controllo della viabilità, ecc.) si sono aggiunte alcune nuove azioni migliorative.
Due le novità principali. La prima è la realizzazione, all’interno di Misano World Circuit, di una ‘cabina di regia’ (posizionata sotto la tribuna A) all’interno della quale confluiranno tutte le informazioni inerenti la viabilità. Tutti i corpi impegnati sono rappresentati all’interno della sala e da lì sarà coordinato tutto il piano previsto. il coordinamento della viabilità è in capo al Comandante della Polizia Stradale che in sinergia con il Comandante della Polizia Municipale di Misano si coordinerà con il personale presente sull’elicottero che dall’alto monitorerà l’afflusso e il deflusso del pubblico e la situazione della viabilità.
La cabina di regia è anche dotata di monitor per il controllo delle aree occupate dal pubblico. Nove telecamere dislocate lungo la pista consentiranno un monitoraggio totale e ciò renderà possibile intervenire con grande rapidità qualora fosse necessario.
La seconda novità del 2008 è rappresentata dai GP BOYS. Si tratta di 20 ragazzi riconoscibili perché indosseranno una maglietta ed un cappellino personalizzato con la dicitura “Informazioni viabilità”  che saranno presenti direttamente sulle strade di maggior traffico per dare informazioni agli automobilisti fornendo anche consigli per tragitti alternativi. I GP BOYS saranno adeguatamente formati nei giorni precedenti all’evento. Durante le giornate di sabato e di domenica inoltre si svolgerà un’esercitazione con oltre 150 uomini della Protezione Civile che assicurerà assistenza al pubblico sia in fase di afflusso che di deflusso.

A supporto del piano della viabilità in atto per questa seconda edizione del Gran Premio vi è la realizzazione di due nuove rotatorie, quella di via Puglia a Riccione e quella su via Kato a Misano oltre alla nuova pista pedonale su via del Carro che agevolerà il flusso di pedoni in entrata e in uscita dal circuito.

Grazie alla collaborazione con Autostrade per l’Italia, numerosi gli interventi lungo l’A14. Saranno all’erta gli addetti della Direzione 7° Tronco di Pescara i quali, in caso di saturazione all’uscita autostradale di Cattolica, consiglieranno l’uso dell’uscita di Pesaro per i veicoli provenienti da sud.
A Riccione verranno utilizzati in totale 8 varchi in uscita dall'A/14, utilizzando anche la porta speciale per incrementare con altre temporanee postazioni la riscossione del pedaggio dei motociclisti. Per l’entrata in A/14 saranno a disposizione 3 varchi e come di consueto, in simili situazioni di notevole afflusso, verranno distribuiti biglietti premagnetizzati. A Cattolica verranno utilizzati 10 varchi in uscita dall'A/14, utilizzando anche la porta speciale per incrementare con altre temporanee postazioni la riscossione del pedaggio dei motociclisti. Per l’entrata in A/14 oltre ai 2 varchi esistenti verrà utilizzato anche il varco TLP in uscita (reversibile) e distribuiti biglietti premagnetizzati;
A Rimini Sud verrà chiusa completamente l'entrata dalle ore 15 alle ore 19 di domenica 31 agosto per agevolare il consistente deflusso di veicoli diretti verso nord, sia dei vacanzieri sia degli spettatori dell'autodromo. Saranno inoltre attivi i pannelli a messaggio variabile posti nel tratto Bologna – Ancona mentre Iso Radio insieme ad alcune emittenti radiofoniche del territorio aggiorneranno sia a livello nazionale che locale gli automobilisti.

Il pubblico che arriverà dall’Autostrada e dalle altre arterie di maggior traffico troverà da Riccione e Cattolica le indicazioni viarie per l’accesso al circuito attraverso la presenza di 16 torrette della viabilità alte ognuno 6 metri e oltre 200 pannelli segnalatori. Una volta arrivati nei pressi di Misano World Circuit, auto e moto potranno utilizzare aree parcheggio per oltre 900mila mq, in grado di ospitare per oltre 30.000 auto e 12.000 moto.

Assistenza al pubblico
Fondamentalmente questo aspetto è suddiviso fra 118 (all’esterno dell’impianto) e Croce Rossa (all’interno dell’impianto). Ovviamente è una suddivisione metodologica, poiché proprio il dialogo e la collaborazione sono alla base dell’efficacia del servizio. Per ciò che concerne il 118, l’evento sarà assistito secondo un preciso piano che prevede il pronto intervento secondo procedure standardizzate e condivise.

In avvicinamento all’impianto, solo coloro che saranno muniti di biglietti e pass potranno avvicinarsi all’autodromo nell’area pedonalizzata. 90 addetti dotati di palmari si occuperanno della verifica dei biglietti e 200 steward si occuperanno dello smistamento del pubblico verso i luoghi di destinazione (tribune o aree prato). Sono stati allestiti circa 388 servizi WC distribuiti sul circuito, dove saranno presenti anche 20 punti ristoro. Ogni giorno è previsto un servizio di pulizia che sarà svolto in collaborazione con Hera.
Le 12 tribune sul circuito hanno capienza di circa 27.000 posti, le zone prato possono contenere circa 50.000 persone e quindi l’impianto potrà ospitare oltre 77.000 appassionati.

Grazie all’organizzazione del Comitato Locale di Cattolica-Morciano della Croce Rossa Italiana, con la collaborazione dei Comitati CRI della Provincia e della Regione, saranno predisposte lungo il circuito 20 ambulanze e 3 punti fissi di soccorso avanzato (PMA), oltre a due auto medicalizzate e 16 squadre ‘appiedate’. I mezzi di soccorso avranno ingressi ed uscite dedicate. Per tutto il week-end lavoreranno 140 Volontari della CRI disseminati in mezzo al pubblico, 13 fra medici e infermieri professionali. Un elicottero stazionerà sul circuito, mentre un secondo è sempre reperibile in pochi minuti attraverso il 118 e in caso di necessità atterrerà su un campo di calcio in via Puglia. In generale, da sottolineare la collaborazione straordinaria della Protezione Civile, presente sul territorio con un centinaio di uomini e due punti di assistenza.
Quest’anno è stata ulteriormente razionalizzata la presenza delle aree presidiate dalla Croce Rossa. Lungo l’autodromo, nelle aree Prato, sono state realizzate 9 postazioni attrezzate dove prenderanno posto i volontari della CRI. Si tratta di box segnalati con vistosi cartelli e collegati via radio con il nuovo centro di assistenza medica centrale, dotato di telecamere di controllo su tutta l’area frequentata dal pubblico, che coordina gli interventi di pronto soccorso. Vi saranno inoltre 3 punti di rianimazione solo per il pubblico.

Assistenza in pista
L’equipe di Misano World Circuit, coordinata dal dott. Eraldo Berardi prevede uno staff di 20 medici con varie specializzazioni. Lo staff si riferisce al Centro Medico del circuito, dotato di reparto di radiologia ed ecografia e attrezzato per assicurare un’assistenza cardio-respiratoria completa a tre piloti contemporaneamente.Il Centro Medico sarà operativo ininterrottamente per tutta la settimana,anche durante la notte a disposizione del personale presente nel paddok dell’autodromo
La maggior parte dei medici in servizio proviene dall’Ospedale Bufalini di Cesena, che a sua volta è allertato come trauma Center di riferimento, per cui tutti i piloti che dovessero riportare traumatismi importanti durante lo svolgimento della manifestazione saranno trasportati direttamente al Bufalini in elicottero, assistiti dal personale medico e paramedico dell’autodromo. Sul circuito saranno dislocati 12 life-cars forniti dalla croce azzurra di riccione e 6 fast-car medicalizzate, ma comprendendo tutti i centri di assistenza si arriva ad un totale di 23 punti di soccorso capillarmente distribuiti sul circuito.
Sarà presente in circuito la clinica mobile del dr Costa,il cui personale non sarà presente in pista ma lavorerà in stretta collaborazione con il servizio sanitario dell’autodromo nella gestione dei piloti traumatizzati e nel loro recupero funzionale.

Altro personale in pista
Misano World Circuit utilizzerà circa 310 ufficiali di gara e in pista saranno presenti anche 25 pompieri con 17 mezzi di intervento.

< Articolo precedente Articolo successivo >