Domenica 29 Novembre06:12:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Furto sventato e 4 arresti a Rimini

Cronaca Rimini | 15:52 - 07 Maggio 2008

La scorsa notte, intorno alle 2.20, alcuni ladri, nel tentativo di asportare il bancomat della Cassa di Risparmio di Rimini installato all'interno dell'ospedale Infermi, hanno tagliato i supporti metallici ed i cavi di collegamento, provocando però solo danni materiali e senza riuscire a portarlo via, grazie all'intervento della guardia giurata in servizio nell'ospedale che, udito il sistema d'allarme, è intervenuta mettendo in fuga i malviventi. Ieri invece a Misano Adriatico, sempre i carabinieri hanno arrestato nei magazzini 'Oliviero'', un albanese, Bledare Luzi di 28 anni, residente a Viserba di Rimini, per il furto di un pantalone e di una cintura. La responsabile dell'esercizio aveva notato il giovane mentre si aggirava all'interno del negozio con fare sospetto. Improvvisamente il giovane ha varcato le barriere antitaccheggio e, dopo aver fatto scattare allarme, è stato fermato dai militari, intervenuti su richiesta della donna. La refurtiva, già indossata dall'albanese, del valore di 150 euro, é stata quindi restituita al titolare. Atro furto sventato ieri all'ipercoop I Malatesta, dove i carabinieri hanno arrestato per furto il giostraio Giovanni Mascis, 41 anni di Sannicandro Garganico (Lecce), sorpreso assieme ad una minorenne mentre, dopo aver spaccato il dispositivo antitaccheggio, stavano rubando tre vestiti e cinque bottiglie di liquore. La refurtiva, per 170 euro, è stata restituita ai titolari e la nomade minorenne è stata denunciata alla procura dei minori di Bologna e affidata ad un centro di accoglienza della provincia. Infine, ieri sera intorno alle 22.30 a Santarcangelo di Romagna, i carabinieri hanno arrestato per furto Ciro Puggillo, napoletano di 33 anni, e Raffaele Gentile, anche lui di Napoli, di 37 anni, entrambi gia noti alle forze di polizia, fermati mentre fuggivano dopo aver rubato da una Mercedes due borse con documenti, due telefoni cellulari, una videocamera ditale e un navigatore satellitare per 2.500 euro. La refurtiva è stata recuperata e restituita al proprietario.