Marted́ 04 Ottobre02:48:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Fratture bacino, premiata ortopedia Rimini

Sanità Rimini | 19:57 - 08 Dicembre 2009

Due tecniche mininvasive per trattare la frattura del bacino. Utilizzandole entrambe l'Unità Operativa di Ortopedia dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini ha potuto utilmente metterle a confronto, e tale studio è stato premiato come miglior lavoro scientifico nell'ultima edizione del 'Trauma Meeting', il congresso nazionale di Traumatologia che ha la maggior partecipazione di presenze di specialisti ortopedici in campo nazionale. "Il lavoro scientifico che abbiamo presentato - spiega Giannicola Lucidi, direttore dell'Unità Operativa - mette a confronto due tecniche mininvasive ancora molto innovative, che noi utilizziamo da tempo con successo. Anziché praticare grosse incisioni per stabilizzare fratture e lussazioni a livello della giunzione tra osso sacro e bacino, a Rimini si pratica una piccola incisione di un centimetro circa e si applica una vite in titanio che stabilizza la lesione e permette al paziente di muoversi subito nel letto e di riprendere a deambulare, quando é possibile, molto più precocemente che con le tecniche tradizionali. Questa vite può essere inserita sotto guida tac o sotto scopia e, quindi, tutto l'intervento viene eseguito in diretta come su un televisore".

< Articolo precedente Articolo successivo >