Giovedė 25 Febbraio06:22:36
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Forlì dedica una grande mostra a Guido Cagnacci

Turismo Forlì | 09:57 - 09 Gennaio 2008 Forlì dedica una grande mostra a Guido Cagnacci

Forlì dedica una grande mostra a Guido Cagnacci (curata da Antonio Paolucci e Daniele Benati), che apre i battenti nei Musei San Domenico il 20 gennaio (fino al 22 giugno). Il pittore, nato a Santarcangelo di Romagna nel 1601 (morì a Vienna nel 1663), fu un autentico protagonista del Seicento, autore di capolavori tra il naturalismo drammatico di Caravaggio e la bellezza virtuosa di Guido Reni. E' noto soprattutto per la sensualità dei suoi nudi femminili, ma creò anche bellissime opere sacre. Inquieto e litigioso, capace di passioni violente e scosso da profonda spiritualità, condusse una vita errabonda, da Rimini a Bologna, da Roma a Forlì, e poi a Venezia e infine a Vienna. Accompagnato spesso da giovani donne che gli facevano da modelle e che per passare inosservate si vestivano da uomo. La mostra presenta oltre 80 opere del pittore, ricostruendo gli inizi dell'attività nella sua terra natale, per poi accompagnarlo a Roma, dove si recò più volte in compagnia del Guercino, venendo a contatto con le opere di Caravaggio. Quando la fama ormai raggiunta lo portò a Bologna, si misurò con i lavori di Guido Reni, da cui trasse una nuova monumentalità senza che le sue immagini perdessero spessore carnale. Per evidenziare i risultati di queste esperienze, la mostra affianca ai capolavori giovanili di Cagnacci dipinti del Caravaggio e dei suoi seguaci, nonché di Guido Reni e di Guercino (complessivamente oltre cento opere). L'esposizione riserva grande spazio ai soggetti profani e ai nudi femminili che il pittore privilegiò, e che lo portarono a lavorare in ambienti segnati da una grande libertà (Venezia e Vienna). Info: 199 199 111 o www.guidocagnacci.com

Nella foto Olio di Guido Cagnacci, Palazzo Borromeo, Isola Bella

Servizio audio di Glauco Valentini

< Articolo precedente Articolo successivo >