Domenica 03 Luglio15:09:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Film della stagione di Cristian Evangelisti

Sport Santarcangelo di Romagna | 12:47 - 11 Giugno 2010 Film della stagione di Cristian Evangelisti

È il film perfetto quello che racconta Cristian Evangelisti, quello con l’inizio di buona volontà, le difficoltà superate, una trama avvincente per ogni giornata che andava in archivio. Un film col finale più dolce, con l’esultanza sui titoli di coda e un sorriso stampato sul volto di tutti. È semplicemente il film della stagione 2009/2010 degli Angels.

«Un anno dove i momenti straordinari sono stati tanti – dice “Pelo” -. Il giorno del raduno, ad esempio, attimi che ricordo benissimo per il grande entusiasmo che c’era in tutti e la voglia di rifarsi. Massimo ha cominciato giustamente già al primo allenamento a dettare regole e obiettivi e i giocatori sono stati subito a sentire mostrando intelligenza e volontà di far gruppo. Abbiamo cominciato con tre vinte e tre perse: tutto più o meno nella norma, insomma, se si pensa che in ogni caso l’obiettivo era la salvezza. L’idea del nostro allenatore, però, era quella di non accontentarsi mai e migliorarsi sempre: questo, recepito dal gruppo, ha prodotto le 14 vittorie di fila. È stato a Castel Guelfo che ho capito che potevamo fare qualcosa di grande».

Inevitabile però che ci fosse un piccolo momento no…
«La sconfitta a Fabriano in sé ci stava, poi però le partite successive non sono state facili, compresa quella in casa con Castel San Pietro. Da lì però è arrivata una grande reazione, una capacità di risposta straordinaria che abbiamo avuto anche in tanti altri momenti dell’anno. Abbiamo ripreso a marciare e, se andiamo bene a vedere, i playoff sono stati giocati da grande squadra».

Il momento più dolce, quello della vittoria…
«Dopo la vittoria nella serie con Castel San Pietro ho cominciato a pensare a qualcosa di grande, poi garadue ad Umbertide, pur persa, ci ha dato la consapevolezza di potercela fare anche senza Eugenio Rivali. Eravamo fiduciosi per la terza gara, pur sapendo che poteva nascondere mille insidie: la squadra ha reagito alla grande, Palermo e Paluan hanno giocato una partita strepitosa e tutto il gruppo è stato straordinario. Quando ho capito che ce l’avevamo fatta? Beh, un segnale poteva essere quando Matteo Panzeri a tre minuti dalla fine mi ha consegnato i fogliettini con i falli. Però io tendo sempre a rimanere coi piedi per terra e mi dicevo “occhio, non è finita…”, una sensazione confermata dal fatto che loro poi un attimo dopo sono rientrati a meno nove. Però quando ho visto il coach di Umbertide venirci incontro a -2’15” per chiederci la cortesia di chiamare un time out nell’ultimo minuto (voleva ringraziare i suoi ragazzi per la stagione) visto che lui li aveva finiti, beh lì un po’ ho realizzato cosa stava succedendo. Ho tirato un sospiro e mi son detto “abbiamo vinto”. Poi l’esultanza».

La dedica?
«Alla società, in primis il presidente Fabbri, poi il vicepresidente Fornari, il diesse Turci e tutti gli altri. A Massimo Padovano che se la meritava davvero: sono contento e fiero di aver lavorato al suo fianco. A tutti i giocatori che ci hanno sempre creduto. Ai tifosi, che in tantissimi anni di Angels non avevo mai visti così numerosi come in garatre di finale: un vero e proprio sesto se non settimo uomo, li ringrazio per averci seguiti sempre numerosi, anche in trasferte come quelle di Umbertide. Da serie A».

Cos’è stato per te, uomo di casa, vivere un’annata del genere?
«Una vittoria come questa è bella a prescindere, ma averla ottenuta a casa mia, nella società nella quale sono cresciuto, rende la soddisfazione tripla. Come vice allenatore la responsabilità era di far bene il mio lavoro e aiutare a raggiungere gli obiettivi prefissati non facendo rimpiangere la scelta che era caduta su di me. La vittoria del campionato mi ha mandato al settimo cielo».

Ora la B Dilettanti
«Un campionato sicuramente più fisico, in base a questo e alle varie regole la società deciderà come comportarsi per fare la squadra. Adesso godiamoci questa vittoria».

< Articolo precedente Articolo successivo >
{* Smart banner Desktop *} {* Mirror Sticky Desktop *} {* Desktop *}