Mercoledý 30 Settembre02:39:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Festival mondo antico, dal 12 giugno a Rimini

Cultura Rimini | 18:41 - 27 Maggio 2008

Il direttore dei beni archeologici del Ministero dei culturali, Stefano De Caro, aprirà il 12 giugno a Rimini 'Antico/Presente' - festival del mondo anticò in programma a fino al 15 giugno, con il convegno 'Medici e pazienti nell'antica Romà dopo l'apertura, nel centro storico riminese, dello scavo archeologico 'Domus del chirurgo', con l' eccezionale ritrovamento di strumenti chirurgici dissotterrati dopo quasi duemila anni. In questa decima edizione saranno in cartellone oltre 160 appuntamenti, tutti ad ingresso gratuito, sia per un pubblico più vasto che per bambini e ragazzi, per entrare in contatto con quanto il mondo culturale contemporaneo riflette quando si occupa dell'antichità, della storia remota, ma anche a quella di civiltà lontane: culture che sono state tramandate o che continuano a riemergere grazie al lavoro di molti studiosi che cercano di capire il presente riscoprendo le tracce di antichi pensieri, forme di arte e di vita che non cessano di stupire per il loro splendore, o per la loro brutalità. Il Festival è anche l'occasione di contatto con le più svariate discipline: non solo storia, archeologia e antropologia, ma anche filosofia, scienza, politica, tecnica, religione, letteratura, diritto, ed anche la cucina e il gioco. In questo insieme di intrecci e di connessioni, la guida è affidata a studiosi autorevoli. Tra gli ospiti stranieri saranno presenti Marcel Detienne, Danielle Gourevitch, Ralph Jackson, Bettany Hughes, Venceslas Kruta, André Laronde, oltre agli italiani più importanti. Spazio anche per lo spettacolo dal vivo, con i 'congedi di mezzanotte' tessuti di musica e parole e con il cinema, sia con documentari che con film a soggetto, vere e proprie rarità, presentati in cineteca. Saranno proposte molte visioni di oggetti e inediti archeologici, come lo scavo in diretta della vicina necropoli etrusco villanoviana di Verucchio, i reportage di missioni italiane coordinati da Mario Luni, collegati ai tanti itinerari proposti, anche in bicicletta, o in barca sotto l'antico ponte di Tiberio. Si ripeteranno anche le iniziative delle scorse edizioni, dai 'commenti magistrali' alle 'ricostruzioni', tra cui spicca quella di un processo romano per malaffare.