Mercoled 24 Aprile06:43:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ecomondo: Marchetti, no alla privatizzazione dell'acqua

Ambiente Rimini | 17:17 - 08 Novembre 2007

No alla privatizzazione dell'acqua, sì a risparmio e efficienza idrica. E un passo convinto in direzione della revisione dei meccanismi di autorizzazione per i prodotti Ogm. Il sottosegretario all'Ambiente Laura Marchetti ha rilanciato da Rimini alcuni dei temi prioritari dell'agenda del Ministero e del Governo su tematiche ambientali. Il sottosegretario ha visitato a Ecomondo, (11/a Fiera internazionale del recupero e dello sviluppo sostenibile). "L'acqua è un bene pubblico - ha detto, secondo un sunto diffuso dall'ufficio stampa del salone - e in quanto tale a tutti ne va consentito l'accesso. Al tempo stesso è un bene di grande valore tutt'altro che inesauribile. L'emendamento approvato lo scorso settembre dal Parlamento vuole chiarire e fissare una volta per tutte questi concetti e segnare una linea di impegno del Governo su una importante risorsa come quella idrica. Per questo motivo nel recente incontro dei ministri europei all'Ambiente, ho ribadito, in rappresentanza del dicastero italiano, il nostro impegno su questo fronte, chiedendo ai colleghi di fare in modo che anche i rispettivi Paesi assumessero un deciso orientamento in tale direzione". Altro fronte prioritario d'azione, quello degli organismi geneticamente modificati. "La nostra proposta di avviare una revisione dei meccanismi che regolano le autorizzazioni dei prodotti Ogm ha ricevuto un ampio consenso nell'ultimo Consiglio Europeo dei ministri dell'Ambiente - ha illustrato - con dodici Paesi che hanno condiviso la proposta. Questo ci sprona a procedere con rinnovato vigore in questa direzione, forti di un fronte maggioritario di condivisione del principio ispiratore della nostra proposta, quello di precauzione".