Mercoledý 04 Agosto17:30:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Droga: arrestato ed estradato Luca Zanotti(bis)

Rimini | 18:18 - 16 Settembre 2008

Partirà alle 19,35 da Milano Malpensa con un volo diretto in Grecia il riminese Luca Zanotti, accusato dalle autorità elleniche di aver importato droga in Grecia. Il giovane è stato arrestato questa mattina alle 5,30 per essere estradato, come ha deciso la Cassazione che ha concesso alla Grecia di detenere il nostro connazionale in attesa del giudizio. Un giudizio al termine del quale Zanotti rischia fino a 10 anni di carcere. Il ventenne riminese, che dovrebbe essere condotto ad Atene e poi in carcere nella località di Kalamata, è accusato di 'traffico internazionale, detenzione e spaccio di droga', per essere stato sorpreso, insieme all'amico, Davide D'Orsi, con 21 grammi di hashish, portati nel Peloponneso, nell'estate 2005. "L'ho sentito verso le 6,15 - ha detto il suo legale italiano, Carlo Alberto Zaina, di Rimini - era piuttosto sereno. Sa che stiamo lavorando per lui". In queste ore Luca è in viaggio verso Milano dove i carabinieri della Stazione di Santarcangelo lo consegneranno alla Polizia di frontiera. Dalla Grecia verranno due poliziotti, per scortarlo durante il volo ad Atene. Una volta atterrato sarà portato nel carcere di Kalamata, dove - dopo una permanenza in attesa di giudizio ad Atene - si terrà il processo. Secondo Zaina, il legale greco che difenderà Zanotti dà ampie garanzie: si chiama Georgios Assimakis e sta seguendo la vicenda costantemente. Insieme a un funzionario dell'ambasciata italiana sono pronti a ricevere il ragazzo, quando atterrerà oppure al suo arrivo a Kalamata". Per Zaina il previsto trasferimento veloce ad Atene è un fatto positivo, "perché si tratta di un carcere più vicino alla nostra mentalità". Famiglia e amici di Luca temono infatti proprio le condizioni carcerarie in Grecia. Il padre Paolo Zanotti prevede di volare in Grecia per assistere il suo ragazzo, stargli accanto come ha fatto in questi mesi. Forse già da sabato prossimo: "quando è partito alle 11 - dice il genitore dalla stazione dei carabinieri - Luca era sereno". Zaina si mostra ottimista anche sui tempi del processo: "Sembra che si possano accorciare. Potrebbe essere celebrato entro un mese". La notizia si è diffusa a Santarcangelo: il paese, pochi giorni fa, aveva organizzato una manifestazione di sostegno per stringersi attorno al suo concittadino, e grande era stata la partecipazione anche delle autorità, dal sindaco Vannoni, ai parlamentari di Rimini, Elisa Marchioni (Pd) e Sergio Pizzolante (Pdl), che avevano avviato contatti con la Farnesina. Ed erano state raccolte oltre un migliaio di firme.

< Articolo precedente Articolo successivo >