Venerd́ 25 Settembre08:39:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Domani la terza edizione di “Tessere (di) identità”

Eventi Rimini | 15:27 - 23 Maggio 2008 Domani la terza edizione di “Tessere (di) identità”

Domani, sabato 24 maggio gli allievi della scuola media Bertola presentano Cib’Arti, un ricettario realizzato da loro

 “Tessere (di) Identità” è diventato un appuntamento con l’identità culturale del territorio provinciale. La terza edizione del progetto ha alle spalle significative realizzazioni: oltre 400 alunni coinvolti in laboratori di attività condotti in collaborazione con artigiani della tradizione locale nelle aree dell’artistico e della creatività; prodotti di documentazione manuali e cartacei; valorizzazione dell’esperienza nelle sagre di paese; integrazione sia con i progetti di recupero dell’idioma dialettale, sia di continuità tra diversi ordini di scuola; coinvolgimento degli artigiani della “Banca dei saperi”, a loro volta preparati all’incontro con i bambini attraverso la metodologia del racconto autobiografico e delle storie di vita. L’edizione 2007 ha valorizzato le esperienze precedenti e le ha sviluppate in tre direzioni: le tradizioni del cibo e il glossario dialettale; la creazione di un appuntamento condiviso tra tutti coloro che costruiscono il progetto – comunità educativa, famiglie e artigiani – per la socializzazione delle esperienze e degli apprendimenti; l’ampliamento dell’opportunità formativa a un maggior numero di scuole. Fra i laboratori era previsto “CIB’ARTI”, dedicato alla scrittura biografica per la II classe sez. I della scuola media Bertola. Gli alunni sono diventati piccoli biografi di storie famigliari del cibo, “approfittando” della memoria dei nonni o dei genitori. Hanno alternano le attività d’aula ad alcune visite guidate a significative realtà dell’artigianato locale del gusto. Ne sono usciti “ricettari” di famiglia, a documentare storie, ricette, espressioni dialettali. Al termine degli incontri (condotti da Monica Colosimo) sabato 24 maggio gli allievi festeggeranno il lavoro svolto insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, e con l’assessore provinciale Marcella Bondoni. Le memorie riscoperte e tradotte in ricetta diventeranno una festa finale con banchetto dedicato a piatti e bevande di un tempo che conserva intatto il proprio valore.

I materiali raccolti durante il corso sono stati elaborati per diventare un bellissimo oggetto da tenere in casa: una specie di ricettario delle ricette riscoperte, dove sarà possibile avere sempre la pronta ricetta a portata di palato.