Martedì 07 Dicembre21:08:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Domani film dedicato ai bimbi di Bucarest

Eventi Riccione | 16:07 - 26 Gennaio 2009 Domani film dedicato ai bimbi di Bucarest

Domani sera, al mulcinema di Riccione, in occasione del film dedicato ai bambini di strada di Bucarest, sarà presente ed interverrà uno degli attori, Liviu Bituc, che per diciassette anni ha vissuto in strada a Bucarest.

Liviu, attualmente ospite di una famiglia riccionese, ha 28 anni, di cui 16 trascorsi per strada assieme ad altri orfani, vivendo di stenti, senza famiglia né affetti, dormendo all’interno dei tombini degli impianti di riscaldamento per difendersi dal freddo durante i mesi invernali. Liviu, così come altri ragazzi di Bucarest, è stato “salvato” da Miloud Oukili, il giovane clown algerino parigino che ha fondato l’associazione PARADA per ridare speranza alle vite disperate dei bambini di Bucarest. Miloud, così come viene raccontato nel film, arrivò in Romania nel ’92, tre anni dopo la fine della dittatura di Ceausescu, dove incontrò i bambini dei tombini, i cosiddetti “boskettari”. Miloud entra in contatto con questi ragazzi (diffidenti e sospettosi, senza speranza e segnati dalla violenza e dalla povertà) insegna loro le attività circensi e clownesche per poter dare loro un futuro facendogli riacquistare la loro dignità di persone. Riesce, dopo mille ostacoli, a mettere su’ una vera e propria compagnia circense con ragazzi tra i 3 e i 16 anni e a fare uno spettacolo nella piazza principale di Bucarest.

Liviu, è uno di quei tanti ragazzini orfani che ce l’ha fatta, e che ora, attraverso l’associazione tenta di dare una speranza alle nuove generazioni di ragazzini che vivono per strada, attraverso la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e il recupero sociale tramite azioni culturali anche di tipo circense.

Qui a Riccione Liviu sta ricevendo la solidarietà di diverse associazioni di volontariato e domani sera, al termine della proiezione, risponderà alle domande del pubblico presente in sala.

Per approfondimenti sull’ass.ne. www.parada.it

< Articolo precedente Articolo successivo >