Mercoledý 25 Novembre08:30:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dal Tirreno all’Adriatico: asse ferroviario per unire città d’arte

Rimini | 16:42 - 15 Aprile 2008 Dal Tirreno all’Adriatico: asse ferroviario per unire città d’arte

La Giunta provinciale ha approvato il Protocollo d’Intesa fra le Province di Rimini, Ravenna, Pesaro Urbino, Perugia ed Arezzo per la realizzazione di un asse ferroviario all’interno del cosiddetto Corridoio Plurimodale Trasversale Orientale, per congiungere il Tirreno all’Adriatico. Il tracciato unirà Arezzo a Ravenna, attraversando l’Appennino e toccando San Sepolcro e Rimini. Si creerebbe così una nuova linea di scorrimento nord-sud alternativo alle tre attuali direttrici, rappresentate dalle due costiere, quella tirrenica e quella adriatica, e dalla Bologna-Firenze-Roma, con l’indubbio vantaggio di evitare i grandi nodi ferroviari dei due capoluoghi emiliano e toscano. Inoltre il collegamento su ferro avrebbe anche il merito di connettere le principali città d’arte a cavallo della dorsale appenninica, fino al mare. “Il progetto – spiega l’assessore alla Mobilità della Provincia di Rimini, Alberto Rossini – è previsto sia dal piano nazionale dei trasporti che dal PRIT regionale. C’impegneremo ora a lavorare, in coerenza con gli obiettivi del protocollo, su quest’ipotesi, predisponendo, sulla falsariga di ciò che la Regione Toscana ha già attuato, uno studio di fattibilità anche sul versante romagnolo”.