Martedė 22 Settembre20:34:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Da MobyCult uno sguardo su Rimini di Carmen Lasorella

Cultura Rimini | 17:42 - 31 Luglio 2008 Da MobyCult uno sguardo su Rimini di Carmen Lasorella

Più di 400 persone si sono assiepate ieri sera, 30 luglio,  intorno e sotto al tendone di MobyCult a Rimini per ascoltare la giornalista Carmen Lasorella, che a Rimini ha presentato “Verde e zafferano. A voce alta per la Birmania” (Bompiani), un reportage  che racconta una nazione soggetta ad un regime militare tanto crudele quanto “mimetico”, invisibile per il turista che visita il paese, una dittatura stabile a causa del silenzio e delle connivenze internazionali che, ad alta voce, con la sua testimonianza,  Lasorella chiede di svelare. Prima di addentrarsi nelle sue dense pagine, la neo direttrice di Sanmarino RTV si è soffermata sulla sua impressione di Rimini, cogliendola in un’immagine.  

Arrivando alla tensostruttura, Carmen Lasorella ha raccontato di aver visto “una barca che entrava nel porto, carica di turisti: l’ho vista  arrivare veloce, poi con incredibile perizia cominciare la manovra di attracco. E ho pensato che qui le cose si fanno bene. Poi mi sono seduta davanti a voi, così numerosi, ho ascoltato le parole di presentazione di Manola e Pietro Caruso. Parole non banali, di persone che i libri li presentano per passione, non per mestiere: mi colpisce sempre la perizia di chi fa il suo lavoro al meglio. E qui a Rimini l’ho percepita.”