Sabato 26 Settembre20:27:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Commercianti Rimini, pronti a pagare vigilantes

Cronaca Rimini | 23:41 - 08 Maggio 2008 Commercianti Rimini, pronti a pagare vigilantes

I commercianti riminesi di Marina centro (zona sul lungomare dove si trovano stabilimenti balneari, ristoranti, negozi) si coalizzano per combattere il degrado e danno vita a un comitato che raggruppa circa 40 esercenti tra i piazzali Tripoli e Kennedy. Inoltre, in attesa di incontrare il sindaco e il prefetto, annunciano di essere disposti ad autotassarsi per pagare vigilantes privati. Il comitato è figlio della protesta portata avanti da tempo dai commercianti della città romagnola contro insicurezza, degrado e affitti alle stelle. In particolare sott'accusa i cosiddetti 'campanellari', cioé extracomunitari che lavorano nei negozi affittati da altri stranieri e che proseguono la vendita sui marciapiedi anche dopo l'orario di chiusura dei negozi. E poi ladri, ubriachi, scippatori. "Abbiamo deciso di costituirci in comitato per cercare di fare sistema tra di noi - ha spiegato il coordinatore pro tempore del comitato 'Commercianti di viale Vespucci', Michele Terlizzi - e per manifestare con un'unica voce la nostra esasperazione verso le istituzioni". Secondo il coordinatore nonostante le numerose denunce fatte finora alle forze dell'ordine, "l'unico risultato che abbiamo ottenuto è stato quello di ricevere minacce e ritorsioni da parte dei 'pallinari' e di vedere i vigili urbani fermarsi solo per fare le multe alle auto in divieto di sosta"."La verità - ha concluso - è che ci sentiamo completamente abbandonati a noi stessi! Per questo abbiamo deciso di chiedere un incontro urgente con il sindaco Ravaioli e il prefetto Saladino. Per collaborare con le istituzioni siamo anche disposti ad autotassarci e contattare un istituto di vigilanza".