Mercoledý 01 Dicembre04:52:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Comitato Unavalmarecchia chiarisce posizione

Attualità Novafeltria | 09:25 - 22 Febbraio 2008 Comitato Unavalmarecchia chiarisce posizione

Riceviamo e pubblichiamo la delibera del comitato "Unavalmarecchia" del giorno 11.02.2008 dal quale si evince in maniera chiara e inequivocabile la nostra posizione.

Comitato SI” per “ UNAVALMARECCHIA “  in Emilia Romagna
Alfredo Carli – Presidente

 “ Ho letto sui vari organi di stampa e in un articolo vostro della  redazione di Pesaro di lunedì 18.02.2008 alcune notizie  che vanno completate  per far comprendere all’opinione pubblica che il nostro movimento era e resta trasversale alla politica e non sarà di certo influenzato o condizionato dalle imminenti  elezioni e  tanto meno dalle candidature.

Vorrei comunque  ricordare che con la nostra azione  durante l’anno trascorso,quindi PRIMA delle imminenti elezioni politiche, abbiamo fatto una  minuziosa, ostinata e costante opera di sensibilizzazione verso  i gruppi parlamentari e avvicinato  tantissimi deputati e senatori  dei due schieramenti e di tutte le parti politiche,nessuna esclusa..
Siamo consapevoli che chiunque manifesti interesse per il nostro territorio e venga a sostenere la sua candidatura  non potrà non affrontare  il tema della  aggregazione che la gente ha voluto con il plebiscito del 17 e 18 dicembre del 2006. Ma DURANTE  questa fase pre elettorale non possiamo  esercitare alcuna ingerenza nel dibattito politico né  sostenere o privilegiare una parte politica o l’altra,avendo  ottenuto un sostegno assolutamente trasversale alla politica al nostro progetto,così come trasversale alla politica è la composizione del Comitato stesso. Siamo consapevoli che il tema referendario – pur così specifico per il caso Valmarecchia – dovrà essere affrontato  insieme  a quello generale della modifica dei confini regionali e che tutto questo sarà tema di confronto politico in Parlamento,qualunque sia il risultato della  consultazione elettorale. Ecco perché il nostro atteggiamento sarà quello di chi si rende conto che il massimo risultato che possiamo raggiungere, in questa fase,sarà quello di informare il maggior numero dei prossimi eletti in Parlamento.
Le ragioni del referendum proposto dai cittadini dell’ Alta Valmarecchia sono così chiare e specifiche che vanno ben oltre  la semplice appartenenza  ad una o all’altra  posizione politica.  Gli argomenti che sostengono la nostra richiesta sono tali e tanti da far prevedere che anche DOPO la consultazione elettorale la specificità del nostro caso, unico  e primo in Italia, verrà riconosciuta dai rappresentanti eletti in Parlamento che vogliamo  attenti e sensibili alle problematiche della popolazione. L’esempio dato dal Comitato “SI” in questo contesto può rappresentare un elemento di forte interesse individuabile proprio nella capacità di fondere gli intenti e attivare le sinergie più diverse per raggiungere lo scopo   e  nell’interesse di tutta la comunità.

< Articolo precedente Articolo successivo >