Marted́ 13 Aprile14:27:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Clonatori di 'carte'arrestati a Rimini

Cronaca Rimini | 15:38 - 16 Giugno 2010

Li hanno arresti ieri sera, intorno alle 19, con in mano ancora i "ferri del mestiere": scotch, mini telecamere, colla,  batterie del cellulare e tutto l'occorrente, che due giovani rumeni utilizzavano per poter clonare carte di credito e bancomat. E' stato un passante a chiamare il 113 insospettito da quegli individui che armeggiavano in modo strano allo sportello della Carim di Via Marecchiese a Rimini. I due (classe 1987 e 1985)  stavano installando sopra il bancomat, all’interno di una lastra d’acciaio, una sofisticata apparecchiatura: lo “Skimmer”, strumento necessario per carpire i codici delle carte di credito ed una mini telecamera, puntata sulla tastiera, per rilevare i pin. Inoltre, da un attenta indagine da parte delle forze dell’ordine, si è scoperto che questo “giochetto” i rumeni l’avevano già collaudato. Avevano sperimentato e installato, forse d’accordo con altri malviventi, diversi “Skimmer”, proprio della via Marecchiese. Sono stati bloccati e arrestati per accesso abusivo ad un sistema informatico/telematico ed installazione di apparecchiature atte ad intercettare codici delle carte di credito/bancomat. Denunciati per il danneggiamento provocato allo sportello e per  appropriazione indebita di autovettura. I due infatti avevano noleggiato una macchina con cui sono venuti a Rimini ad Arezzo, forse proprio con una carta clonata, e non l’ hanno mai restituita.

Guarda servizio video

< Articolo precedente Articolo successivo >