Marted́ 01 Dicembre21:42:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cinema: Premio Fellini a Centenari De Oliveira e Pinelli

Spettacoli Rimini | 22:27 - 26 Giugno 2008 Cinema: Premio Fellini a Centenari De Oliveira e Pinelli

Due cineasti centenari, il regista portoghese Manoel De Oliveira e Tullio Pinelli, sceneggiatore del regista di Otto e mezzo per quasi 20 anni, sono i vincitori del premio Fondazione Fellini 2008, che sarà consegnato il prossimo 15 novembre a Rimini. "In genere il premio l'abbiamo sempre attribuito ad un solo cineasta che reputavamo vicino alla sensibilità di Fellini, ma quest'anno abbiamo pensato a questa eccezione per celebrare due artisti di straordinaria vitalità come De Oliveira (che compirà 100 anni pochi giorni dopo la consegna del riconoscimento, ndr) e Pinelli, che i 100 anni li ha compiuti qualche giorno fa", ha detto Vittorio Boarini, direttore della Fondazione Fellini. Pinelli, uno dei più importanti sceneggiatori del cinema italiano, plurinominato all'Oscar, in più di 60 anni di carriera, oltre che con Fellini, in film come Lo sceicco bianco, La strada, Le notti di Cabiria, Otto e mezzo e Ginger e Fred (sul rapporto con il regista, è uscito in questi giorni il suo epistolario Ciò che abbiamo inventato è tutto autenticò, ndr), ha collaborato, fra gli altri con Pietro Germi, Liliana Cavani, Vittorio De Sica, Dino Risi e Mario Monicelli. De Oliveira, invece, premiato quest'anno con la Palma d'oro alla carriera a Cannes, è il più importante regista portoghese vivente, e continua con una media di oltre un film l'anno un percorso artistico iniziato negli anni '30 che l'ha visto dirigere quasi una cinquantina fra lungometraggi di fiction e documentari. "In occasione del premio - ha proposto il critico Tullio Kezich, biografo ufficiale di Fellini - potremmo chiedere a De Oliveira di mostrare a Rimini il suo film, inedito, segreto e autobiografico, Conversazione privata, girato nel 1982 e che finora il regista ha detto di voler vedere proiettato solo dopo la sua morte". La premiazione si terrà al termine del consueto convegno internazionale di due giorni, organizzato quest'anno il 14 e 15 novembre dalla Fondazione. Il tema del 2008 sarà il film La Dolce vita in vista del 50/mo anniversario della produzione della pellicola, le cui riprese iniziarono il 19 marzo 1959. "Fra gli ospiti del convegno - ha aggiunto Kezich - ci saranno una ventina di testimoni diretti di quel periodo". Ancora non ci sono sicurezze, "ma ci piacerebbe partecipassero alcune delle interpreti del film come Anita Ekberg, Anouk Aimeé e Valeria Ciangottini". Kezich ha anche sottolineato come la pubblicazione, l'anno scorso, del famoso Libro dei sogni di Fellini, e della mostra che ne presentava alcune pagine, allestita anche alla Festa di Roma, abbiano avuto un'eco internazionale. Il libro, edito in Italia da Rizzoli è già stato tradotto in Francia, Germania e per l' edizione in lingua inglese e la mostra "dovrebbe venir allestita - ha aggiunto Boarini - in autunno in Messico, a Guadalajara e in gennaio a Los Angeles, dove dovrebbe restare per tutto il periodo degli Oscar".