Marted́ 24 Novembre02:26:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cinema: Bellaria Film Festival celebra Biagi,Zavoli,Celestini

Eventi Bellaria Igea Marina | 18:22 - 07 Maggio 2008

Con l'omaggio a due protagonisti del giornalismo, Enzo Biagi e Sergio Zavoli, e al cinema-teatro di Ascanio Celestini torna, dal 5 al 9 giugno, la 26/a edizione del Bellaria film festival nell'omonima cittadina riminese, promosso con il contributo del ministero per i Beni e le attività culturali, della Regione Emilia-Romagna e della Provincia di Rimini. A dare un'anticipazione del programma è stato il direttore artistico della manifestazione, Fabrizio Grosoli, durante la presentazione della retrospettiva su Peter Whitehead, il regista inglese che incontrerà il pubblico del Bellaria il 7 giugno. Anche quest'anno molto spazio sarà riservato al mondo del documentario con tre concorsi: 'Anteprima doc', dedicato ad autori italiani di film inediti; 'Premio Casa rossa doc' per il regista del miglior documentario della precedente stagione cinematografica e 'Cortdoc' riservato a chi vuole cimentarsi con un documentario lungo al massimo dieci minuti. Oltre all'omaggio ai due storici giornalisti, è in programma una serata dedicata ad Ascanio Celestini e ai suoi video inediti, oltre a quelli trasmessi nel programma 'Parla con me' con Serena Dandini. Ospite del festival sarà poi Nicolas Philibert, regista di 'Essere e avere' che, per il workshop sul documentario, presenterà 'Retour en Normandie' in cui l'autore, a trent'anni di distanza, è andato a vedere cosa fanno e chi sono diventati oggi gli attori del film di René Allio (di cui lui fu assistente alla regia) sulla storia di Pierre Riviere che a fine '800 uccise i suoi familiari. Come tradizione, la rassegna festeggera' inoltre il compleanno di un film: quest'anno l'opera scelta è 'La macchina cinema' di Marco Bellocchio, Stefano Rulli, Sandro Petraglia e Silvano Agosti, un film-inchiesta sull'industria del cinema vista da più prospettive, prodotto dalla Rai nel 1978 (sarà proiettato nella versione integrale di cinque ore).