Lunedý 06 Dicembre14:07:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio: zoom su Docente

Sport Rimini | 12:52 - 21 Gennaio 2009 Calcio: zoom su Docente

Emilio Benito Docente, classe 1983, longilineo(1.78 x 70 kg), è un attaccante dal fisico elastico, agile ed elegante, rapido sul breve, veloce nell’aggredire lo spazio, abile nell’uno contro uno. Origini siciliane, per l’esattezza di Comiso, provincia di Ragusa, Docente nella stagione in corso si è definitivamente consacrato in Romagna, con la casacca del Rimini.

Il suo percorso di carriera non è stato affatto facile. Gli  inizi sono a Gela, nella sua terra, dove vi rimane per tre stagione e proprio nell’ultima esplode realizzando in diciassette presenze ben 12 goal. Un'altra squadra siciliana, ormai proiettata verso

la A, si accorge di lui. Nel Messina dei fratelli Franza, colleziona ben 8 presenze senza mai andare a segno. Per la prima volta, precisamente nel 2004, Emilio approda a Rimini, dove i due anni di C vengono impreziositi da 12 goal. Docente accetta una nuova sfida: la serie B, ad Avellino. I guai societari limitano le sue apparizioni. Avendo molto mercato in C  a Gennaio  si accasa alla Sambenedettese, dove realizza tre goal. Il bomber, si ritrova l’anno a venire sempre in terra marchigiana, precisamente ad Ancona, dove ripete il suo record di marcature in una stagione, ben 12. La sua esplosione in terra dorica li vale la richiamata da parte del Rimini che decide di puntare definitivamente su di lui.

Dopo una stagione d’appannamento, eccolo finalmente consacrarsi in questa odierna, dove finora ha messo a segno 4 goal, dimostrandosi un giocatore in grado di ricoprire sia il ruolo d’attaccante esterno che quello di  prima punta, uno di quei giocatori che il mister Elvio Selighini per la sua duttilità apprezza moltissimo. Dopo una stagione così vien da dire: sia il caso che arrivi una chiamata dalla A ? Se sicuramente ci sarà seguirà le orme dei vari Floccari, Jeda, Matri, altri pezzi da 90 che hanno fatto le fortune di questa società. Buona fortuna “boom-boom”.

Daniele Manuelli
< Articolo precedente Articolo successivo >