Sabato 15 Maggio09:52:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio: una settimana a Rimini Verona

Sport Rimini | 11:08 - 16 Maggio 2010 Calcio: una settimana a Rimini Verona

Una domenica di riposo per Rimini e Verona, in attesa della semifinale di andata dei playoff che si giocherà al Romeo Neri il prossimo 23 maggio: una partita cruciale per il Rimini, che deve assolutamente vincere, considerando il miglior piazzamento degli scaligeri che li rende favoriti per la promozione. I biancorossi vi arrivano comunque in buoni condizioni di forma e morale. Mister Melotti proporra' il consueto 4-1-4-1 con l'unico dubbio in difesa, dove Catacchini potrebbe lasciare la fascia destra a Vitiello, con conferma di Lebran e Rinaldi al centro. In casa Verona Vavassori sfrutterà la sosta per  conoscere al meglio il proprio organico, ma dal punto di vista tattico si trova di fronte ad una montagna da scalare, nel passaggio dal 4-3-3 (o 4-3-1-2) al 4-4-2. Tanti i centrocampisti centrali e gli attaccanti esterni in organico, pochi i laterali puri. Indicativamente, l'ex tecnico dell'Atalanta dovrebbe schierare un centravanti di peso (Colombo o Di Gennaro), supportato da un trequartista-seconda punta (Farias, Selva o Berrettoni), con Ciotola e Rantier esterni. Difficile infatti adattare Garzon o Dalla Bona nel ruolo di centrocampista destro. In difesa inoltre mancherà il terzino sinistro Pugliese. La pressione in casa Verona sarà elevatissima, ma anche in casa Rimini; in apparenza i biancorossi non hanno nulla da perdere, ma in realtà la promozione in Serie B diventa cruciale per il futuro. Come anticipato mesi fa dall'avvocato Boldrini, la Cocif potrebbe ripensare il suo abbandono in casa di promozione. In fondo la famosa conferenza stampa potrebbe essere stata la vera svolta della stagione. Immaginiamo infatti una mossa d'azzardo, per scuotere un ambiente che stava galleggiando nella mediocrità. Da quel giorno mister Melotti ha fatto finalmente scelte definitive e molti giocatori hanno recepito il messaggio: o la Serie B o si muore (sportivamente parlando). Fra gli esempi positivi, fatemi citare Roberto Vitiello: comunque vada, il suo futuro sarà lontano da Rimini, ma invece di adagiarsi, in attesa di un nuovo contratto, è stato uno dei trascinatori in questo finale di stagione, in particolare nella gara del 2 maggio con i veneti.

Riccardo Giannini

< Articolo precedente Articolo successivo >