Mercoledý 28 Luglio04:31:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio Legapro: Alla scoperta del Potenza

Sport Rimini | 16:46 - 01 Agosto 2009 Calcio Legapro: Alla scoperta del Potenza
<!-- /* Font Definitions */ @font-face {font-family:"Cambria Math"; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:roman; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-1610611985 1107304683 0 0 159 0;} @font-face {font-family:Calibri; panose-1:2 15 5 2 2 2 4 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-1610611985 1073750139 0 0 159 0;} /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin-top:0cm; margin-right:0cm; margin-bottom:10.0pt; margin-left:0cm; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-language:EN-US;} .MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-size:10.0pt; mso-ansi-font-size:10.0pt; mso-bidi-font-size:10.0pt; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-hansi-font-family:Calibri;} @page Section1 {size:595.3pt 841.9pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:35.4pt; mso-footer-margin:35.4pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} -->

Alla scoperta del Potenza.

La Basilicata è una delle più piccole regioni d’Italia. Ci sono tre squadre che hanno caratterizzato il calcio lucano:  Potenza, Melfi e Matera. Con cinque partecipazioni al campionato di Serie B, quarantuno in serie C, 25 in serie D, Il Potenza calcio si presenta in questa maniera al prossimo campionato di legaPro dove ritroverà dopo un quarantennio avversarie di sfide dall’antico sapore come Verona e Spal. La società rossoblu ha dimostrato con i fatti il teorema del suo presidente: nel calcio di oggi si gioca un campionato sul campo e uno sui bilanci, questa volta la sua squadra ha vinto il secondo. Giuseppe Postiglione ha vissuto i 74 giorni che l’hanno separato dalla retrocessione sul campo al ripescaggio in Prima, in apnea. Era certo del buon vento che spirava dalle stanze romane verso il Potenza, dato da tutti come primo in graduatoria di ripescaggi, ma fino a che non c’è stata l’ufficialità del consiglio federale è stato un lento soffrire. Anche se poi, ufficializzando una campagna acquisti di primissimo piano, il sentore che il Potenza si sentisse in Prima già da tempo c’era. Come si vede dalla foto in basso, nomi illustri compongono la rosa. Su tutti spiccano Ciro de Cesare e Giorgio Lucenti con un passato in A. Altri elementi di spessore sono Giammarco Frezza un curriculum importante in B e Gragnaniello che è atteso alla stagione della definitiva consacrazione dopo essersi mostrato un portiere affidabile. L’allenatore Capuano è una garanzia, la categoria la conosce come le sue tasche essendo stato l’autore principale di diverse promozioni. Da parte della società c’è voglia di investire e di portare la squadra in Serie B, un sogno mai nascosto dall’attuale presidente. Si fanno nomi importanti come quello di Di Napoli, attaccante della Salernitana e dello svincolato Amoroso, reduce da un campionato di A a Bologna, anche se al momento l’acquisto più probabile è il ritorno da Rimini di Peppe Lolaico, l’esterno chiesto a gran voce dall’allenatore. Intanto, c’è stata l’ufficializzazione di Vittorio Galigani come nuovo direttore generale, un uomo di grande esperienza e assoluta affidabilità. Il presidente dopo lo sforzo economico chiede ai tifosi di rispondere in termini di abbonamento. Lo stadio Viviani di Potenza (foto sotto) può contenere 6000 posti ed è considerato a detta di molti uno degli stadi più caldi del girone per via di una tifoseria molto passionale. Dopo tanti anni di sacrifici che ha visto addirittura due squadre nel capoluogo lucano  tentare la risalita tra i professionisti, il Potenza in virtù di una forte campagna acquisti si candida come possibile sorpresa di un girone considerato da molti una piccola B.




Daniele Manuelli

 

< Articolo precedente Articolo successivo >