Venerdý 26 Febbraio10:41:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio Cesena: turn over obbligato

Sport Cesena | 16:25 - 18 Gennaio 2011 Calcio Cesena: turn over obbligato

Un turn over obbligato. E' quello che farà il tecnico cesenate Ficcadenti nel recupero di domani sera contro l'Inter: il match era in programma il 12 dicembre scorso ma venne rinviato per gli impegni internazionali dell'allora squadra di Benitez.  Il Cesena si è allenato a porte chiuse: Dellafiore potrebbe giocare al centro della difesa, Ceccarelli tornare a destra, mentre il sacrificato sarebbe l'argentino Pellegrino autore del clamoroso autogol nella gara persa con la Roma. A centrocampo ci sarà Sammarco: verrà escluso Caserta o Parolo, mentre davanti Bogdani sarà titolare e Budan andrà in panchina. Ma non è escluso che possa trovare spazio anche Malonga che il tecnico vorrebbe recuperare. Dopo due partite dove è stato confinato in tribuna è stato convocato di nuovo l'italo argentino Schelotto. Lo stesso allenatore lo spiega: "Farò almeno 3-4 cambiamenti - ha detto -  abbiamo infatti giocato con la Roma domenica, poi domani l'Inter, domenica prossima il Milan. Certo, sarebbe stato meglio avere affrontato l'Inter il 12 dicembre, quella era un'altra squadra, mancava di quattro, cinque giocatori fondamentali. Ora li ha recuperati quasi tutti. E' difficile trovare difetti in un gruppo così forte fisicamente, tecnicamente e ora anche psicologicamente. In attacco sono stratosferici, senza contare che anche uno come Maicon andrà marcato".   Ha bene in testa cosa dovrà fare il suo Cesena o meglio cosa dovrà assolutamente evitare. "Non possiamo chiuderci in difesa, saremmo condannati in partenza, dovremo giocarcela, correre tantissimo, più di loro ed essere concentrati". Quello che è mancato domenica a Pellegrino nella rocambolesca autorete: "Vero anche questo, certo l'arbitro ha sbagliato tre volte nel concedere il gol dei giallorossi ma pure il nostro difensore ha commesso un grave errore proprio per scarsa concentrazione. Con la Roma comunque c'é stata la prestazione, ripartiamo da quella, credendo però con maggiore determinazione nelle nostre qualità che ci sono".   Saranno quattrocento i tifosi bianconeri che partiranno per Milano, duecento con la tessera del tifoso e altrettanti senza, gli ultrà veri e propri. Dalla Romagna complessivamente saranno invece un migliaio i tifosi interisti suddivisi nei vari club della zona, in particolare quello di Forlì che con il suo migliaio di tesserati è tra i più importanti in Italia.

< Articolo precedente Articolo successivo >