Martedý 29 Settembre03:55:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio C2: San Marino, in settimana il nome del nuovo tecnico

Sport Repubblica San Marino | 17:00 - 09 Giugno 2008

La partita è aperta. Saranno in tre a giocarsi la possibilità di allenare il San Marino Calcio nella prossima stagione calcistica di C2. Per quanto riguarda i nomi dei papabili il cerchio si è, appunto, ristretto a tre allenatori che comprende oltre all’attuale tecnico Fabrizio Tazzioli, anche Roberto Cevoli (allenatore in seconda al Vicenza Calcio ed ex biancazzurro negli anni Ottanta di mister Gabriele Lucchi) e per ultimo Franco Varrella dal Ravenna, retrocesso poche settimane fa in C1 e con una precedente esperienza in C2 sulla panchina del Bellaria. A confermare le voci lo stesso direttore tecnico Lucchi. “Hanno tutti e tre la stessa percentuale di allenare –conferma il direttore tecnico del club di via Rancaglia-. La decisione comunque non tarderà ad arrivare. Domani sarò a San Marino e inizierò a confrontarmi con Germano De Biagi e con il presidente Daniele De Luigi e poi nei prossimi giorni sarà comunicato il nome del tecnico per il prossimo anno”. E’, dunque, una questione di ore. Ma non è solo l’ufficializzazione del nuovo allenatore a scaldare l’ambiente. A tenere banco è anche i mercato che tocca da vicino i giocatori. Chi parte, chi resta, ancora è tutto da decidere, anche se ogni tanto qualche indiscrezione trapela. “Fino a quando non sarà deciso il nuovo allenatore difficilmente si prenderanno decisioni sulla rosa per la prossima stagione”, sottolinea Lucchi. Poi conferma alcune voci. “Si è già parlato di contratto con Federico Tafani e Alessandro Evangelisti”. Ma non saranno i soli. A quanto pare presto saranno contattati anche Michele Florindo e Simone Berardi, così come Federico Capece e Roberto Di Maio, anche se quest’ultimo ha espresso la volontà di voler valutare altre opportunità dopo quattro stagioni in biancazzurro. Per il resto si dovrà attendere ancora un po’. Il messaggio comunque è chiaro: evitare smantellamenti. Del resto le parole di De Biagi durante la conferenza stampa di qualche settimana fa lo avevano già ribadito ampiamente.

l.c.