Martedý 27 Luglio04:22:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio: Angelo Lepretti nuovo co-allenatore del Pesaro 5

Sport Pesaro | 08:44 - 04 Agosto 2009 Calcio: Angelo Lepretti nuovo co-allenatore del Pesaro 5

Non sarà il leader maximo ma non rivestirà certo un ruolo di secondo piano. L'anconetano Angelo Lepretti (nella foto), 42 anni, ricoprirà nella stagione 2009-2010 l'incarico di co-allenatore del Pesaro Five. Non scenderà in campo come l'imperatore Cesar Tavoloni perché lui ha già dato. Sarà comunque una guida preziosa per una squadra ambiziosa che si appresta a disputare il terzo campionato consecutivo su un pianeta chiamato B.

Dopo anni a giocare a calcio a 5 anche alla Giampaoli Brandoni, Lepretti ha iniziato ad allenare proprio in Ancona, prima di approdare a Martinsicuro. La paternità lo ha fermato per quattro stagioni, poi è tornato in panchina più carico che mai alla Montegranarese, squadra con cui ha ottenuto due promozioni consecutive e una storica partecipazione ai playoff di serie C1. Infine il Real Monturano, serie C2, col suo palmares di condottiero a rimpinguarsi d'un altro campionato vinto. Come mai la scelta di accettare le avances del Pesaro Five? "Erano anni che ero in ottimi rapporti con la società pesarese e in particolar modo col presidente Carlo Mercantini e con Riccardo Luponio - spiega Lepretti con estrema disponibilità -. Eravamo stati vicini anche tempo fa ma poi non se ne fece nulla. Adesso ci siamo riparlati e sono stato ben felice di accettare l'offerta del Pesaro Five".

In che consisterà il suo ruolo esattamente?
"Un ruolo atipico perché non sarò il viceallenatore ma nemmeno l'allenatore capo. Sarò il co-allenatore, gestendo il gruppo che la società metterà a disposizione assieme a Tavoloni".

Sicuri che non ci saranno problemi di convivenza proprio con l'asso brasiliano che oltre a giocare allena?
"No, assolutamente. Tra persone intelligenti che mirano allo stesso obiettivo non ci possono essere screzi per una competenza in più o in meno. Non sono certo il tipo che si offende se Cesar prende una decisione che non condivido e sono certo che sarà lo stesso anche per lui. Non vedo l'ora di iniziare. La stagione passata per me è finita a marzo e ho una voglia matta di mettere tutto me stesso per questa nuova avventura".

Un'avventura difficile ma stimolante e ambiziosa...
"Esattamente. Un'avventura che si prospetta affascinante visto il lotto di squadre che si presenta ai nastri di partenza della serie B. Al di là di due o tre compagini, le altre hanno tutte obiettivi ambiziosi. E poi mi incuriosisce l'inserimento nel girone di Rieti, una squadra che ho affrontato 16 anni fa quando ancora ero giocatore".

Qualcosina sul mercato non lo anticipa?
"Beh, diciamo che noi non vogliamo fare certo la comparsa disputando un torneo dove divertire divertendoci. La rosa attualmente è altamente competitiva anche se manca qualche tassello per completare il mosaico. Sono fiducioso del lavoro che la società porterà a compimento e aspetto con ansia comunicazioni". Da inizio settembre sarà operativo. Il tutto in vista del campionato che va a iniziare il 3 ottobre.

< Articolo precedente Articolo successivo >