Giovedý 26 Novembre13:14:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio: Alla scoperta del Taranto

Sport Rimini | 14:06 - 17 Agosto 2009 Calcio: Alla scoperta del Taranto

Dopo sedici anni dall’ultima apparizione in B il Taranto del neo allenatore Braglia si candida a  vincere il campionato di Lega Pro. La concorrenza è nutrita, dato che sia  a livello di tifo che di struttura ci sono altre corazzate in grado di mettere il bastone tra le ruote alla compagine Jonica. Pescara,Verona e per l’appunto Taranto sono le tre piazze famose con un passato in serie  A e con uno scudetto alle spalle come nel caso dei veneti. Oltre a queste formazioni non dimentichiamoci di mensionare  possibili outsider come Potenza, Spal, Reggiana, Ravenna e la nuova Avezzano denominata Valle del Giovenco.
Tornando ai pugliesi  sono ben 32 le partecipazioni in B, l’ultima nel 1993. Un campionato  quello di fine anni 70 dove la formazione Jonica grazie al suo bomber Eramo Jacovone, deceduto nel corso di quella stagione, stava assaggiando il profumo della serie A. Da allora tante delusioni,cambi di denominazioni, caos societari hanno portato al fallimento della squadra,  ripartita poi dai dilettanti vincendo da subito lo scontro diretto per la promozione in C2 ai danni del Campobasso e nuovamente contro i molisani hanno dato vita a partite memorabili per la promozione alla C1 ottenuta poi arrivando secondi dietro il Gallipoli. Bei tempi direbbe qualcuno! Erano le sfide che vedevano di fronte i bomber delle grandi occasioni: Corona per i molisani e Riganò per i pugliesi. Sfide da 20.000 spettatori che per la C2 sono cifre da record. Il resto è storia odierna. Dopo la promozione in C1 il Taranto ha alternato grandi stagioni, con addirittura spareggi play-off persi per la B a stagioni opache come l’ultima nella quale pur avvalendosi di calciatori importanti,  come Silva e Dionigi ha rischiato di retrocedere. Proprio Corona il bomber delle vecchie sfide guiderà un attacco che a lui chiede i goal per la risalita a quella cadetteria che da troppo tempo manca in una città che a livello di pubblico e di passione non ha nulla da invidiare agli altri. Lo stadio ha una capienza di 40.000 posti ridotti a 18.000 ma lo Jacovone, per il suo tifo – teppisti a parte- è stato sempre il 12° uomo. Ritornando alla rosa di questanno ci sono altri nomi sul quale vale la pena soffermarsi: Mezzavilla , centrocampista dai piedi buoni in grado di giocare anche sulla trequarti con il vizio del goal; Silva un attaccante che conosce bene la categoria. Arrivato in Puglia lo scorso gennaio può garantire una dozzina di goal. Francesco Scarpa un altro calciatore col vizio del goal in grado di ricoprire tutti i ruoli del centrocampo e la fase offensiva sia da trequartista che da attaccante esterno. Da segnalare altri nomi interessanti come il portiere Bremec i difensori Migliaccio e Calori. Ultimi non per questo da scartare l’argentino arrivato in comproprietà dal Vicenza Magallanes e il centrocampista Innocenti.L'allenatore è quel Simone Braglia che a parte la bella parentesi in ciociaria col Frosinone è sempre stato un mister che conosce bene questa categoria ottenendo diverse promozioni e mostrando in ogni squadra allenata quella combattività che può dare ai rossoblu la promozione tanto agognata.

Probabile Formazione 09/10
(3-4-3): Bremec, Calori, Viviani, Migliaccio, Felci, Mezavilla, Berretti, Bolzan, Innocenti, Corona, Scarpa.

La rosa del Taranto 2009-10:

P    Nicolas Bremec
     
P    Emanuele Nordi
     
P    Angelo Maraglino
     
D    Vincenzo Migliaccio
     
D    Federico Viviani
     
D    Gianluca Nocentini
     
D    Raffaele Imparato
     
D    Marco Di Fatta
     
D    Simone Calori
     
C    Riccardo Bolzan
     
C    Emilio Basile
     
C    Nicola Strambelli
     
C    Simone Felci
     
C    Francesco Scarpa

C    Julian David Magallanes
     
C    Alberto Quadri

C    Adriano Mezavilla
     
C    Mauro Gori
     
C    Davide Giorgino

C    Beniamino Iraci
     
C    Matteo Berretti
     
C    Jonis Khoris
     
A    William Barbosa da Silva
     
A    Riccardo Innocenti

A    Giorgio Corona

A    Nicola Russo

Daniele Manuelli