Mercoled 24 Aprile02:46:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Bocciatura per gli studenti più violenti

Scuola Nazionale | 20:03 - 15 Ottobre 2007 Bocciatura per gli studenti più violenti

Arriva il tanto atteso giro di vite del governo nei confronti degli studenti più vivaci. Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministri dell’Istruzione, Giuseppe Fioroni, ha, infatti, approvato il regolamento che modifica la disciplina vigente in materia di Statuto degli studenti. Pene più severe verso chi compie atti di vandalismo, con sospensioni che potranno arrivare anche a superare i 15 giorni e, nei casi più gravi, addirittura comportare la bocciatura.Conseguenze anche per i genitori. Se gli alunni, infatti, comporteranno danni economici alla scuola, saranno il padre e la madre ad essere chiamati a risarcire i danni provocati dal figlio. Il provvedimento ha già incassato il via libera anche del consiglio di stato.

Gli alunni che si renderanno protagonisti di azioni tali da comportare la sospensione per oltre 15 giorni, saranno inseriti in corsi di recupero che - in accordo con le famiglie, i servizi sociali ed eventualmente l'autorità giudiziaria – potrebbe significare anche lo svolgimento di attività sociali, culturali e a beneficio della collettività. Le sanzioni che saranno comminate saranno comunque appellabili dai ragazzi, che potranno ricorrere contro la decisione assunta nei loro confronti rivolgendosi all'organo di Garanzia della scuola che al suo interno, oltre ai docenti e al capo d'istituto, avrà i rappresentanti dei genitori e degli alunni, chiamati a pronunciarsi sulla controversia.